:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Il 77% dei conflitti ha all’origine l’insicurezza alimentare

Un rapporto di Azione contro la Fame sottolinea lo stretto legame tra conflitti e malnutrizione, portando alla luce una serie di dati allarmanti. 6 persone su 10 che soffrono la fame vivono in un Paese in conflitto; 122 dei 151 milioni di bambini colpiti da malnutrizione cronica vivono in un Paese in conflitto

16 ottobre 2018

MILANO - “La guerra crea fame e la fame scatena conflitti; i dati allarmanti del nostro rapporto confermano un legame strettissimo e devastante tra guerra e fame. Se i governi e le istituzioni sovranazionali non riusciranno a ridurre i conflitti e a garantire il rispetto dei principi stabiliti dal diritto internazionale umanitario vedremo crescere ulteriormente il numero di persone che soffrono la fame, vanificando i progressi faticosamente conquistati in questi ultimi 15 anni”. E’ quanto dichiara Simone Garroni, direttore generale di Azione contro la Fame Italia. L’organizzazione opera in circa 50 Paesi del mondo e questa esperienza ha fornito numerose prove del nuovo rapporto bilaterale tra guerra e fame: da una parte le guerre distruggono mercati e mezzi di sostentamento e producono spostamenti massicci che innescano un elevato rischio di insicurezza alimentare; dall’altra, l'insicurezza alimentare e la competizione per le risorse naturali o il cibo è all'origine di gran parte dei conflitti attivi oggi nel mondo.

Il rapporto di Azione contro la Fame fornisce gli esempi e le cifre del legame tra guerra e fame: 1 Paese su 4 nel mondo ha un conflitto in corso;  6 persone su 10 che soffrono la fame vivono in un Paese in conflitto;  122 dei 151 milioni di bambini colpiti da malnutrizione cronica vivono in un Paese in conflitto; in 24 paesi su 46 con conflitti attivi, la prevalenza di malnutrizione acuta è superiore al 30%; il 77% dei conflitti ha all’origine l’insicurezza alimentare della popolazione. Nel 2017 è stato superato il record di sfollati dalla seconda guerra mondiale, con 66 milioni di persone. Più della metà sono sfollati a causa della violenza, una cifra che si è raddoppiata tra il 2007 e il 2015.

Le guerre causano la fame. La violenza, specialmente nelle guerre moderne che colpiscono in modo massiccio la popolazione civile, provoca spostamenti di massa di persone che fuggono con ciò che è rimasto, abbandonano i loro mezzi di sostentamento e si concentrano in luoghi con acqua e servizi igienici precari dove dipendono dagli aiuti umanitari per sopravvivere. Il numero di sfollati a causa della violenza è raddoppiato tra il 2007 e il 2015 esi calcola che una persona sfollata trascorra in media più di 17 anni nei campi profughi o presso le popolazioni ospitanti, creando per di più tensioni e concorrenza per le risorse naturali o l'occupazione.
Nelle guerre le colture vengono abbandonate, i periodi di semina e raccolta saltano, l'offerta ai mercati viene interrotta così come le vie di trasporto e approvvigionamento: tutto questo ha un impatto feroce sulla popolazione.

La fame cause guerre. A sua volta, l’aumento dei prezzi del cibo e delle materie prime ha scatenato molti dei conflitti attuali. In diversi contesti, come nel Sahel, l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, la siccità e la competizione per i pascoli sempre più asciutti hanno generato tensioni tra le popolazioni pastorali, fino a sfociare in veri e propri conflitti.

La fame come arma di guerra. Ed esiste una dimensione del problema che non dobbiamo dimenticare: l’uso crescente della fame come arma di guerra, attraverso l'assedio sistematico di civili, l'attacco alle infrastrutture di base per l'acqua e il sostentamento, il blocco degli aiuti umanitari. Si tratta di una tendenza in aumento in conflitti sempre più spesso combattuti da gruppi armati con poche risorse militari, che trovano quindi nella fame un’arma di guerra molto economica e praticabile.

Il rapporto analizza 13 casi concreti di aree e paesi in conflitto, tra cui alcuni particolarmente significativi:
nello Yemen, dove la guerra civile dal 2014 fino a oggi ha causato oltre 16.000 vittime, si stima che 22 milioni di persone (due terzi del Paese) dipendano dagli aiuti umanitari, 17,8 milioni soffrano di insicurezza alimentare, e oltre 8 milioni di persone - di cui la metà bambini - sono attualmente sull’orlo della carestia. Gli sfollati interni ammontano a 3 milioni e oltre 450.000 sono i bambini severamente malnutriti. “In questo Paese, dove Azione contro la Fame lavora dal 2012 e nel 2017 ha assistito 650.000 persone con programmi di supporto nutrizionale, sicurezza alimentare e accesso all’acqua, accedere alle vittime è difficilissimo e non vengono rispettati i corridoi umanitari”, scrive l’organizzazione.

La regione del Lago Chad, (Niger, Chad, Nigeria e Camerun) dove dal 2009 il gruppo Boko Haram ha intensificato la sua azione e gli scontri hanno provocato oltre 37.500 morti e quasi 2 milioni e mezzo di sfollati. 7 milioni di persone nella regione soffrono di insicurezza alimentare e oltre mezzo milione di bambini è colpito da malnutrizione acuta. “Quest’area è particolarmente soggetta ai cambiamenti climatici – si afferma - e la stagione della fame diventa ogni anno più dura, assottigliando le risorse a disposizione della popolazione. Le violenze di Boko Haram non hanno fatto altro che esacerbare il processo migratorio e oggi assistiamo a una vera e propria crisi regionale. La Conferenza di Berlino ha deciso di impegnare 2 miliardi di dollari per far fronte alla crisi ma è necessario che agli impegni della comunità internazionale seguano i fatti”.

In Myanmar, dove nell’ agosto 2017, dopo un attacco da parte di un gruppo di ribelli, si è riaccesa la persecuzione della minoranza musulmana dei Rohingya, causando in poche settimane la fuga di centinaia di migliaia di persone verso il confinante Bangladesh. Oggi i profughi sono 1 milione e solo nei campi gestiti da Azione contro la Fame sono stati presi in cura più di 18.500 bambini affetti da malnutrizione acuta grave. Il governo del Myanmar ha firmato a giugno un accordo con le Nazioni Unite che autorizzava un’ispezione dello stato di Rakhine, per lavorare congiuntamente al processo di rimpatrio, ma le agenzie internazionali non hanno ancora visitato il luogo, rendendo la soluzione quanto meno lontana”.

La risoluzione Onu. Il 24 maggio le Nazioni Unite hanno adottato la risoluzione 2417, invitando tutte le parti in conflitto a conformarsi al diritto umanitario internazionale, che vieta gli attacchi contro i civili e contro le infrastrutture civili critiche – incluse fattorie, mercati, sistemi idrici e altri elementi essenziali per produrre e distribuire alimenti. La risoluzione incita anche il Segretario Generale ad allertare il Consiglio di Sicurezza in quei contesti dove un conflitto minaccia la sicurezza alimentare. “Siamo fiduciosi che questa risoluzione porterà l'impegno politico ai massimi livelli, evitando il deteriorarsi di gravi crisi alimentari. Tuttavia se vogliamo assicurare il progresso nella lotta contro la fame, la comunità internazionale deve farne una priorità politica globale”, aggiunge il direttore generale di Azione contro la Fame Italia.
Azione contro la Fame invita tutti gli attori interessati a intraprendere azioni concertate per spezzare il circolo vizioso di guerra e fame. In particolare, Azione contro la Fame sottolinea la necessità di un approccio globale che garantisca la stretta aderenza al diritto internazionale umanitario, la responsabilità per la non conformità ad esso e la mobilitazione ai massimi livelli nel caso di uso della fame come arma di guerra.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa