:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Frena il calo delle adozioni. Alta l'età media delle coppie

Adozioni internazionali: tra il primo semestre dell’anno scorso e il primo semestre di quest’anno sostanziale tenuta dei casi. E’ la prima volta dopo molti anni. Tra i minori stranieri adottati età media di 5,5 anni, in calo rispetto ai 6,1 anni del 2017. Russia, India, Colombia e Ungheria i principali paesi di provenienza

19 ottobre 2018

FIRENZE - Dopo anni di drastici cali, tornano stabili le adozioni internazionali in Italia. Tra il primo semestre dell’anno scorso e il primo semestre di quest’anno, si nota una sostanziale tenuta dei casi annui con una diminuzione in termini assoluti di soli 11 casi di coppie che hanno richiesto l’autorizzazione all’ingresso in Italia di minori stranieri (erano 512 nel 2017, sono 501 nel 2018). Andamento che si conferma anche tra i minorenni entrati nel nostro Paese a scopo adottivo, che negli ultimi due semestri in esame arretrano soltanto di 14 casi (erano 617 nel 2017, sono 603 nel 2018).

Il punto sulle adozioni è stato fatto a Firenze durante un convegno all’Istituto degli Innocenti sull’accoglienza dei bambini in stato di abbandono nel mondo e gli strumenti giuridici a confronto. Il profilo delle coppie adottive si caratterizza per una elevata età media al decreto di idoneità dei coniugi – 41,8 la moglie, 43,3 anni il marito – e una conseguente ancor più alta età media alla data dell’autorizzazione all’ingresso – 44,7 per la moglie, 46,2 anni per il marito. Tra i minorenni stranieri adottati emerge una età media di 5,5 anni, in lieve calo rispetto ai 6,1 anni rilevati nel 2017. Russia, India, Colombia e Ungheria si confermano i principali paesi di provenienza. 

Un focus è stato fatto anche per i casi fiorentini. Nel 2017 le adozioni internazionali realizzate dal tribunale per i minori di Firenze hanno toccato il loro minimo storico dal 1999, con 175 minori adottati. Negli ultimi dieci anni la contrazione di casi arriva fino al 52 per cento e riguarda in larga parte le adozioni dai paesi non aderenti alla convenzione dell’Aja e in particolare la Russia.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa