:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Firenze, in 400 all’incontro preliminare della conferenza sul terzo settore

L’incontro promosso dalla Regione Toscana e dal Cesvot. L’assessore regionale Saccardi: “Periodo di grandi trasformazioni che minano i presupposti della vita sociale del nostro Paese”

19 ottobre 2018

Convegno terzo settore - 19 ottobre 2018

FIRENZE – Circa 400 persone hanno partecipato venerdì 19 ottobre a Firenze all’appuntamento preliminare della prima conferenza regionale del Terzo settore, promossa dalla Regione Toscana e in programma il 9 febbraio al Mandela Forum, un momento organizzato insieme alle principali reti associative, al Forum Terzo Settore Toscana con la collaborazione di Cesvot. Un momento per riflettere, insieme alle istituzioni, sul futuro assetto delle politiche di welfare toscano. Quello di venerdì è stato uno dei tre appuntamenti preliminari, dopo quello di Pisa nei giorni scorsi. Presenti tantissimi operatori, presidenti e volontari delle associazioni dell’area fiorentina.

“Quello che stiamo vivendo ha detto l’assessore regionale al sociale Stefania Saccardi - è un periodo di grandi trasformazioni che mette in discussione gli stessi presupposti della vita sociale su sui si basa il nostro Paese. Presupposti da sempre alimentati dall’operosità delle comunità locali e dalla concreta solidarietà e senso civico espressi dalle migliaia di organizzazioni e di volontari che operano in Toscana”. 

Presente all’incontro, oltre al presidente del Cesvot Federico Gelli, anche l’assessore comunale fiorentino al welfare Sara Funaro: “Il lavoro delle istituzioni non esiste senza le associazioni, che sono il prolungamento e il braccio operativo e pensante del lavoro istituzionale, se le amministrazioni rinunciassero a questo mondo perderebbero il 90 per cento dei propri servizi, e questo è un tema importante anche dal punto di vista politico, soprattutto adesso che sentiamo il clima, nel quale c’è una sorta di attacco doppio su quello che è il lavoro del mondo del sociale”.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa