:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Firenze, un centro interculturale per promuovere la cultura cinese

Inaugurato oggi il Centro di ricerche interculturali e documentazione didattica Italia – Cina. Obiettivo, sistematizzare e diffondere testi, documenti, materiali ed esperienze realizzati da cittadini d’origine cinese in Italia

26 ottobre 2018

FIRENZE – Viene inaugurato oggi, venerdì 26 ottobre, presso l’Istituto Professionale Sassetti Peruzzi a Firenze, il CRID: Centro di ricerche interculturali e documentazione didattica Italia – Cina. Il Centro nazionale di ricerche interculturali e di documentazione didattica Italia-Cina nasce con lo scopo di rilevare, raccogliere, sistematizzare e diffondere testi, documenti, materiali ed esperienze usati o realizzati in scuole, biblioteche, ludoteche, atenei italiani e cinesi, associazioni, in circa trent’anni di attività spesso frutto di una proficua collaborazione con l’associazionismo culturale promosso da cittadini d’origine cinese residenti in Italia.

Nel corso degli anni è cresciuto in modo esponenziale l’interesse per la lingua e la società cinese. Numerosi sono stati i corsi di formazione e aggiornamento per gli insegnanti di lingua cinese, al fine di affinare le loro competenze didattiche e linguistiche; è stato inoltre potenziato l’insegnamento curriculare ed extracurriculare della lingua cinese, per giovani e adulti che intendono ampliare le proprie opportunità lavorative. Allo stesso tempo, le scuole italiane hanno sviluppato negli anni un vasto patrimonio di esperienze per favorire l’acquisizione dell’italiano come L2 per studenti sinofoni. Così l’interculturalizzazione dei contesti scolastici contribuisce a diminuire il fenomeno dell’abbandono scolastico da parte dei ragazzi di recente arrivo dalla Cina che spesso faticano ad orientarsi nel nuovo ambiente. 

Il forte interesse in entrambi i Paesi a condividere conoscenze didattiche e migliorare le prospettive di successo scolastico dei propri cittadini ha portato alla stipula di numerosi accordi tra scuole cinesi e italiane di pari grado, che in Toscana hanno dato vita alla Rete educativa “Scambiando si impara”, che negli anni ha favorito scambi interculturali tra insegnanti e studenti delle scuole dei due Paesi e che ha consentito l’attivazione di numerosi corsi di lingua e cultura italiana all’interno delle scuole cinesi, soprattutto in quelle frequentate da bambini e ragazzi in attesa di ricongiungimento familiare. L’esperienza di questa pluriennale collaborazione ha stimolato l’esigenza di raccogliere, valorizzare, diffondere le tante esperienze d’eccellenza esistenti, anche al di fuori delle scuole e dei centri in cui sono state sperimentate con successo. 

Il Centro di Ricerche Interculturali e Documentazione Didattica intende rispondere a interessi e necessità di studenti, insegnanti e ricercatori di approfondire tematiche comuni fra le comunità educanti di Cina e Italia e di condividere esperienze e materiali didattici. Il CRID mira inoltre a favorire scambi internazionali tra studenti e a facilitare il dialogo interculturale nelle scuole italiane e cinesi.

Oltre ad esporre testi e materiali didattici in uso nelle scuole cinesi, nel Centro di Documentazione istituito presso l’Istituto “Sassetti” sarà creato un archivio in cui saranno raccolte esperienze e materiali prodotti in scuole cinesi e italiane, che saranno catalogati e messi a disposizione delle scuole e dei centri culturali italiani e cinesi, con una regolare apertura al pubblico e con la digitalizzazione e diffusione attraverso una piattaforma on-line. 

Parallelamente verranno potenziate le attività nelle scuole di entrambi i Paesi, attraverso l’organizzazione di laboratori e viaggi di scambio Italia-Cina per gli alunni di entrambi i paesi e l’attivazione di corsi di formazione e/o aggiornamento per insegnanti, improntati su una forte interattività per stimolare il dialogo tra colleghi cinesi e italiani sul tema dei sistemi scolastici e dei principi pedagogici e delle metodologie in uso.

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa