:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

L'incidente e l'incontro con il para-archery: per Kelmend un nuovo inizio

Arrivato in Italia dalla vicina Albania nel 2002, Kelmend Cekaj faceva l’operaio a Legnano. Due anni dopo, però, un brutto incidente sul lavoro gli porta via una mano. Nel 2017 l’incontro con il para-archery, categoria compound. Con risultati inattesi e molte ambizioni per il futuro

02 novembre 2018

ROMA  - È bastato far scoccare una sola freccia per far innamorare Kelmend Cekaj, operaio di Legnano di origini albanesi, del tiro con l’arco. Un colpo di fulmine, visto che in meno di due anni, Cekaj non solo ha imparato a usare l’arco, ma è riuscito anche a scalare il podio ai campionati italiani di para-archery. La sua storia è raccontata nel numero di ottobre di Superabile Inail, la rivista sui temi della disabilità pubblicata dall’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro consultabile anche online.

Arrivato in Italia nel 2002, inizia a lavorare per un’azienda lombarda che si occupa di materie plastiche. Due anni dopo, a causa di un incidente sul lavoro, perde una mano. “Per me che non sono neanche mancino – racconta – perdere la mano destra a 35 anni è -stato molto difficile”. Fin dal 2004, Cekaj viene preso in carico dalla Sede Inail di Legnano ma viene seguito anche dal Centro protesi di Vigorso di Budrio (Bologna) per la fornitura di protesi ad alto contenuto tecnologico. "L’Inail mi ha sostenuto moltissimo fornendomi protesi di ultima generazione – spiega –. Non sostituiranno mai la mano che ho perso, ma mi aiutano molto". C’è voluto tempo per prendere confidenza con le protesi, ma a Kelmend piacciono le sfide. Anche oggi, a quasi 50 anni d’età. È poco più di un anno, infatti, che ha deciso mettersi alla prova in ambito sportivo e la scelta di sperimentare il tiro con l’arco non è stata casuale. “È stata una sfida con me stesso – racconta –. Facendo qualche ricerca su Internet, ho visto che ci sono tanti altri atleti che praticano tiro con l’arco anche se non hanno una mano. La mia passione è nata senza che io capissi cosa stessi facendo”.

A favorire l’incontro con questo sport, nel 2016, una convenzione tra Inail e Comitato italiano paralimpico. “L’assicurato è stato sensibilizzato rispetto alla possibilità di avvicinarsi al mondo dello sport – racconta Giorgia Albanese, assistente sociale della Sede Inail di Milano –. Grazie all’attività di orientamento svolta dal referente del Cip, Cekaj si è così accostato alla disciplina del tiro con l’arco. Lo svolgimento di un’attività sportiva, infatti, ha ricadute positive sul benessere psicofisico degli infortunati, favorisce percorsi di reinserimento sociale e rappresenta per alcuni una forma diriscatto sociale". Per Kelmend "il tiro con l’arco è una sfida incessante, che porta a prefissarsi continui e graduali obiettivi", conclude. È l’arco, prima di tutto, a fare la differenza in questa disciplina. Sono tanti e diversi. Uno dei più recenti, e anche dei più interessanti, è l’arco compound: lo stesso scelto da Kelmend. Inventato negli Stati Uniti verso la fine degli anni Sessanta, è caratterizzato da un complesso sistema di cavi e rotelle che permettono di sviluppare una maggior potenza con uno sforzo minore da parte dell’arciere. "Le difficoltà di questo sport, per una persona disabile, sono molteplici – spiega Elio Imbres, delegato provinciale del Cip Pavia e istruttore di Cekaj –. Sta all’allenatore capire quali sono i modi migliori per aggirarle. Kelmend è stato in grado di allestirsi un ausilio ad hoc costituito da una specie di giacca di pelle, dove viene montato lo sgancio che permette di ancorare la corda e scoccare la freccia".

Il percorso di avvicinamento a questa disciplina, però, ha i suoi tempi. "Si inizia con degli archi a basso libraggio per acquisire una giusta tecnica – prosegue l’istruttore –. Poi, gradualmente, si sale con la potenza dell’arco fino a individuare quello che dà la possibilità di avere il massimo rendimento, secondo le proprie caratteristiche". È bastato poco a Kelmend per mostrare le sue capacità: «Nel novembre scorso siamo partiti con le gare indoor e poi a maggio 2018 c’è stato l’esordio all’aperto, sui 50 metri, dove Cekaj ha dimostrato il suo valore – sottolinea Imbres –. Abbiamo partecipato al trentunesimo Campionat0 italiano para-archery, che quest’anno si è tenuto a Cologno Monzese (Milano), dove abbiamo gareggiato con i colori della Polisportiva disabili Valcamonica. Kelmend, alla sua prima esperienza, è diventato due volte campione d’Italia»: oro nella gara a squadre e nella categoria seniores. Per Cekaj è stata una sorpresa: "Non me l’aspettavo – ammette –. Grazie al mio istruttore e all’aiuto che sto ricevendo, mi sto allenando tantissimo. Ora però ho bisogno di un campo dove fare gli allenamenti e di uno sponsor per sostenere le spese per l’attrezzatura". A livello agonistico, infatti, il tiro con l’arco può essere anche uno sport costoso. "Un buon arco costa intorno ai 1.400 euro – precisa Kelmend –. Poi ci sono le frecce e i mirini. Per questo devo ringraziare la Sede Inail di Legnano, che mi ha aiutato anche per quanto riguarda l’acquisto di alcuni attrezzi utili". Infatti l’équipe multidisciplinare della Sede Inail, riferisce Albanese, "ha colto questa forte motivazione e ha sostenuto l’assicurato nella realizzazione degli adattamenti tecnici necessari allo svolgimento dell’attività sportiva, in relazione alla sua disabilità. Anche il Comune di Legnano ha messo a disposizione una palestra in cui Kelmend può allenarsi autonomamente".

La stoffa non manca, assicura il suo istruttore: "Ha grosse potenzialità, ma soffre molto la gara, per cui c’è da lavorare sull’aspetto psicologico. Siamo in una fase embrionale, ma questi successi sono una grossa molla". Con due medaglie d’oro al collo, intanto, Kelmend è già impegnato con la stagione al chiuso. "Siamo già orientati sui prossimi Campionati italiani, che si terranno nel 2019", anticipa Imbres. All’orizzonte, quindi, non mancano importanti obiettivi da centrare. "Anche se ho quasi 50 anni, ho tanti sogni per il futuro – conclude Cekaj –. Spero di riuscire a vincere, un giorno, un titolo mondiale".

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa