:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Firenze, Mattarella in visita all'ospedale pediatrico Meyer

Un’accoglienza calorosa quella che i bambini e gli operatori dell’ospedale hanno riservato al Presidente della Repubblica. "Questa visita mi ha coinvolto, rendere omaggio ai bambini, ai familiari e agli operatori dell'ospedale Meyer è cosa che desideravo fare"

04 dicembre 2018

FIRENZE - Un’accoglienza calorosa quella che i bambini e gli operatori dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze hanno riservato al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che questo pomeriggio si è recato in visita all’ospedale. Il Presidente ha visitato alcuni reparti e anche i laboratori dove si svolge la ricerca. Ai piccoli pazienti e ai loro familiari ha dispensato sorrisi e parole affettuose, intrattenendosi a parlare anche con i medici e gli infermieri dell’Ospedale. Al termine della visita, al momento del saluto finale in programma nella Hall Serra alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni locali e del Direttore Generale del Meyer Alberto Zanobini, il Presidente ha tenuto un breve discorso nel corso del quale ha definito il Meyer un’eccellenza, un punto di riferimento nazionale e internazionale che mette al centro i bambini. Nel corso di questo momento conclusivo della visita presidenziale, è stato inaugurato il plastico che rappresenta Meyerpiù, il progetto triennale di sviluppo dell’Ospedale pediatrico.

"E' emozionante essere qui – ha detto Mattarella – Questa visita mi ha coinvolto, rendere omaggio ai bambini, ai familiari e agli operatori dell'ospedale Meyer è cosa che desideravo fare. Io posso soltanto ringraziare molto coloro che lavorano per il Meyer, per quel che fanno, li ringrazio per come contribuiscono a mettere al centro il bambino paziente, in un ospedale dove si accoglie in maniera particolarmente serena, dove i bambini sono al centro di uno sforzo comune, nelle cure, nell'assistenza, nelle terapie".

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa