:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Detenuti in costante aumento, superata la soglia dei 60 mila

I dati aggiornati al 30 novembre resi noti dall’Amministrazione penitenziaria parlano chiaro: nei penitenziari italiani ci sono quasi 10 mila detenuti in più rispetto alla capienza regolamentare. Anche i suicidi continuano a crescere: sono 61, mai così tanti dal 2012 ad oggi

07 dicembre 2018

ROMA - Continua a crescere inesorabilmente la popolazione carceraria italiana. Al 30 novembre 2018 ha sfondato per due unità la soglia delle 60 mila presenze (60.002), superando di quasi 10 mila unità la capienza regolamentare degli istituti di pena di tutta Italia (50.583). A renderlo noto è la stessa Amministrazione penitenziaria (Dap) che ha diffuso i dati aggiornati sui detenuti presenti nelle carceri regione per regione e quelli sulla capienza regolamentare. Il dato, quindi, conferma la costante crescita della popolazione carceraria negli ultimi anni, così come abbiamo raccontato su Redattore sociale lo scorso mese, quando le presenze dei detenuti in carcere avevano raggiunto quota 59,8 mila. Un dato ancora una volta più alto di quello registrato nell’ottobre del 2015, quando i detenuti erano circa 52 mila

- Tra le regioni, quella che mostra un maggiore affollamento è la Lombardia, con 8.546 detenuti presenti nei 18 penitenziari regionali contro una capienza regolamentare di 6.223 posti. Al secondo posto, la regione Campania con 7.699 detenuti presenti al 30 novembre 2018 contro una capienza regolamentare di 6.142 posti distribuiti in 15 istituti. Al terzo posto il Lazio, con 6.517 detenuti nei 14 istituti penitenziari della regione che però hanno complessivamente una capienza regolamentare di 5.259 posti. Anche in Emilia Romagna la capienza degli istituti non riesce a far fronte in modo adeguato alla presenza dei detenuti: 2.805 i posti nei dieci penitenziari della regione accolgono, infatti, 3.569 detenuti. Segue il Piemonte con 4.483 detenuti in 13 istituti con una capienza di 3.976 posti. Ad avere un rapporto detenuti-posti regolamentari inverso rispetto al resto d'Italia sono la Sardegna (2.204 detenuti per 2.706 posti) e le province autonome di Trento e Bolzano che complessivamente hanno 455 detenuti per 506 posti. 

Anche i suicidi continuano a crescere. Ad oggi se ne contano 61 e rappresenta il dato più alto dal 2012 ad oggi, come mostra il sito di Ristretti Orizzonti. Il record di suicidi resta comunque quello del 2009, quando 72 persone si tolsero la vita, a fronte di una popolazione carceraria che superava di gran lunga i dati attuali. Tuttavia, negli anni successivi, i suicidi sono diminuiti fino ai 43 del 2015, anche per il calo generale della popolazione penitenziaria. Dal 2016, però, i numeri dei suicidi hanno ripreso a crescere fino a far segnare nuovamente un preoccupante picco.(ga)

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa