Fiorini virtuali in classe per l’alternanza scuola lavoro

A Firenze il progetto di Confcooperative Toscana nell’ambito del quale alcune studentesse eranno di dare alle attività e ai laboratori ideati e sperimentati lo scorso anno, anche attraverso lo strumento di soldi virtuali

10 gennaio 2019

FIRENZE – Fiorini virtuali e nuove tecnologie, grazie al percorso KibiGO l’alternanza scuola-lavoro di un gruppo di studentesse del Russell Newton diventa 4.0. Confcooperative Toscana sta sperimentando un modello innovativo promosso dalla cooperativa associata ReteSviluppo che coinvolge quattro ragazze della IV U del Liceo Scienze Umane dell’Istituto Russell-Newton di Scandicci, socie lavoratrici della cooperativa simulata Humans, che si occupa di servizi socio–educativi ed è stata realizzata nell’ambito del progetto Toscana 2020 promosso da Confcooperative Toscana e dalla Federazione Toscana delle BCC.

Adesso le studentesse cercheranno di dare alle attività e ai laboratori ideati e sperimentati lo scorso anno, un nuovo taglio applicando le tecnologie più avanzate: con la blockchain e la moneta virtuale, il fiorino (in omaggio alla creatività fiorentina) sviluppate da Kinoa e ReteSviluppo, ogni attività all’interno dell’esperienza e i processi necessari per realizzarle verranno certificati.

Le studentesse avranno a disposizione 500 fiorini per ideare, ricevere formazione e presentare la loro idea agli esperti di ReteSviluppo e Confcooperative Toscana e per innovare la cooperativa Humans. Il percorso a fianco di veri imprenditori ed innovatori, sarà poi condiviso con gli altri compagni di classe e l’esperienza di pochi diventerà patrimonio di tutti.

Con Confcooperative Toscana e KibiGO proseguirà la valorizzazione delle capacità dei ragazzi del Russell-Newton, attraverso una seconda tappa del loro percorso di Impresa cooperativa triennale che li renderà di nuovo protagonisti lavorando in team con professionisti ed esperti del mondo del lavoro. Una sperimentazione che è un’importante occasione formativa sul campo grazie al modello di KibiGO, che ha tra i partner Microsoft e IBM.

 

 

© Copyright Redattore Sociale