:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Per San Valentino "regala un sostegno a distanza"

In occasione della festa la onlus fanese L'Africa chiama lancia un appello: regalare un sostegno a distanza per il progetto “Mamma Bambino”. Il presidente Italo Giannini: “Un intervento concreto e mirato che in questi anni ha salvato la vita a centinaia di bambini con madri sieropositive”

02 febbraio 2019

ROMA - “Condividi con chi ami la gioia di donare e regala un sostegno a distanza”. È questo l’appello lanciato in occasione di San Valentino dalla onlus L’Africa Chiama, impegnata dal 2001 nel prendersi cura di oltre 21 mila bambini in difficoltà garantendo loro cibo, istruzione e cure mediche. Fra i numerosi interventi anche il progetto Mamma Bambino, attuato in Kenya, che ha come obiettivo quello di ostacolare la trasmissione del virus Hiv dalla mamma al bambino appena nato, attraverso supporto alimentare, medico e psicologico. “In questi anni di attuazione del progetto Mamma Bambino a Nairobi i numeri parlano più di tante parole: oltre il 90% dei bambini inseriti nel programma non ha contratto l’Aids dalla propria mamma. Un intervento concreto e mirato quindi che in questi anni ha salvato la vita a centinaia di bambini e che ha fatto letteralmente vincere l’amore su tutto!”, spiega Italo Nannini, presidente della onlus fanese. E’ per questo motivo che in occasione della festa degli innamorati l’associazione propone di "fare un gesto straordinario e regalare il Sostegno a Distanza per il progetto Mamma Bambino. Diverse le possibilità da scegliere, da 27 a 108 euro, a seconda del tempo di sostegno. Rispondendo all’appello de L’Africa Chiama la persona amata riceverà l’Attestato di Sostegno a Distanza con il messaggio di auguri personalizzato e, nel periodo in cui il sostegno sarà attivo, riceverà le foto e gli aggiornamenti del progetto sostenuto. Aderendo a tale progetto si potrà concretamente garantire supporto nutrizionale, assistenza sanitaria e sostegno psicologico a 20 mamme sieropositive ed ai loro bambini residenti alla periferia di Nairobi".

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa