:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Due giorni di sport e integrazione, la Carovana nel veronese

La località di Vigasio, vicino Verona, ha accolto la Carovana dello Sport Integrato. Il sindaco Tosi: “Orgogliosi di questa occasione”. Grande partecipazione delle scuole: “Il livello di sensibilità mostrato dalle nuove generazioni ha stupito tutti quanti in positivo”

07 aprile 2019

E’ andata in archivio con successo anche la tappa veneta della Carovana dello Sport Integrato, che ha visto coinvolta la comunità di Vigasio (provincia di Verona). Al suo arrivo da Vignola, la comitiva Csen è stata ricevuta in Comune dalle istituzioni locali, capeggiate dal sindaco Eddi Tosi: “Il sentimento preponderante, in questo momento, è l’orgoglio – ha spiegato – avere la Carovana ospite nel mio Comune non ha prezzo. Ringrazio il Csen, perché ha compreso a pieno quanto sia importante il tema dell’inclusione legato alla pratica sportiva”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche l’Assessore allo Sport Diego Campedelli: “Abbiamo messo in campo tutte le nostre forze affinché l’arrivo della Carovana fosse salutato a dovere da tutta la città – ha sottolineato – è stato bello vedere tanta partecipazione da parte dei bambini delle scuole. L’evento ha suscitato grande curiosità in tutta Vigasio, come testimonia anche l’attenta partecipazione da parte del comitato genitori”.
 
Attiva la partecipazione dei ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Vigasio, tra gli attori del messaggio d’inclusione sancito dalla Carta dei Valori dello Sport Integrato. Gli studenti veronesi sono stati perfettamente coordinati dal tutor Michele Bonetti: “La Carovana ha segnato un momento di festa oltre che di grande condivisione – ha dichiarato – quando hanno iniziato a lavorare sul progetto sono stati titubanti, poi sono rimasti fortemente colpiti dal tema e hanno fornito un importante contributo”.
 
Parole d’elogio sono arrivate anche da parte di Giacinto Corvaglia, rappresentante del Comitato Regionale Csen: “In primo luogo voglio ringraziare tutti i ragazzi che hanno partecipato – ha detto – la Carovana è un’esperienza unica e porterà con sé per tutta l’Italia un messaggio di grande valore sociale”.
 
“Il passaggio della Carovana ha segnato un momento di scambio e di commozione – ha detto invece Alessandra Malvezzi, presidente ENAIP Veneto - quando si toccano certi valori è impossibile restare indifferenti. Lo sport può valorizzare le differenze e la tappa di Vigasio lo ha dimostrato”.
 
Importante presenza anche quella di Albino Barresi, dirigente dell’ufficio scolastico provinciale, che ha dichiarato: “Questa iniziativa fa bene alle scuole, ai ragazzi e alle famiglie. Il livello di sensibilità mostrato dalle nuove generazioni ha stupito tutti quanti in positivo, e la partecipazione attiva dei ragazzi di Vigasio ci lascia ben sperare per il futuro di tutta la comunità”.
 
La presenza della Carovana in Veneto è stato prezioso spunto di riflessione anche sul tema dell’insegnamento scolastico. A questo proposito non è mancato l’intervento di Dino Mascalzoni, referente provinciale dei docenti di Educazione Fisica: “La Carta dei Valori dello Sport Integrato rappresenta un bene comune inestimabile”.
 
Sabato mattina si è passati all’azione, con la partita-esibizione di Football Integrato applaudita da tantissimi ragazzi delle scuole medie ed elementari del veronese. Il match è terminato con il risultato di 9-6 per la squadra blu, e ha vissuto un momento particolarmente toccante quando Filippo Piras, atleta classificato con il numero 2, ha trovato la forza per sollevarsi dalla propria sedia a rotelle, venendo celebrato da tutto il palasport.
 
Con la tappa di Vigasio termina il viaggio dell’Equipaggio 2, i cui componenti porteranno per sempre con sé il ricco bagaglio di esperienze costruito in questi dieci, preziosissimi giorni. Lo scambio di consegne avvenuto alla stazione di Verona è stato un momento profondamente emozionante tra i componenti dell’equipaggio 2 e dell’equipaggio 3 che prende, da oggi, in carico il timone della Carovana.
 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa