:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Dal Kenya a Firenze, gli amici di penna si incontrano per la prima volta

Dopo un anno di corrispondenza epistolare tra la 3^B della scuola Collodi e una casa famiglia di Malindi in Kenya, grazie all’associazione Global Friends, i piccoli amici di penna si sono incontrati

26 aprile 2019

FIRENZE - Dopo un anno di corrispondenza epistolare tra la 3^B della scuola Collodi e una casa famiglia di Malindi in Kenya, grazie all’associazione Global Friends, i piccoli amici di penna si sono incontrati. Tre bambine kenyote - Stacy, Oprah e Barbara - sono arrivate oggi a Firenze alla scuola Collodi per incontrare i loro amici e amiche di penna con cui scrivono a distanza.

Le tre bambine, accompagnate da Giuseppina Maccari dell’associazione Angels Onlus di Malindi, hanno portato in dono tre rose arancioni, mentre i bambini italiani hanno regalato alle kenyote una colomba che hanno mangiato tutti assieme. Inoltre, la maestra della 3^B Maria Vittoria Marchese ha regalato alle tre bambine Keynote alcune cartoline e immagini di Firenze che i bambini del Kenya potranno portare nel loro Paese come ricordo.

“Anche noi vogliamo andare in Kenya” hanno detto i bambini italiani. Qualcuno di loro ha portato i propri  peluche, mentre molti altri sono rimasti piacevolmente impressionati dai capelli con le treccine delle tre bambine kenyote.

Poi sono rimasti a lungo a disegnare tutte assieme, facendo ritratti di loro stesse e delle loro città. Tanti gli abbracci e le fotografie che i bambini hanno voluto scattare per immortalare questo momento emozionante.

Nell’aula della 3^b è presente anche una grande cartina geografica del mondo dove un filo di scotch bianco unisce la città di Firenze alla città di Malindi in Kenya. L’incontro è stato reso possibile grazie all’associazione Fiorentina Global Friends, che ormai da un anno mette in relazione attraverso scambi di letterine i bambini italiani coi bambini del sud del mondo con l’intento di creare ponti culturali tra i bambini di oggi, che saranno gli adulti di domani. 

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa