:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Società

Cerca

Ricerca avanzata chiusa Ricerca avanzata in Diritti umani

Arcipelago Cie

Il carcere "non carcere"

bannerHead

Del Grande ha incontrato console e legale: “Sta bene, ma negato il dossier”

21 aprile 2017 Questa mattina ha avuto luogo l’incontro del blogger toscano con il console italiano e il suo legale turco: “Non ci è stata data alcuna informazione su eventuali capi di imputazione nei suoi confronti. La sua detenzione è del tutto illegale”. Ieri manifestazione di solidarietà a Bologna

bannerHead

Del Grande, "detenzione illegittima anche per le leggi speciali turche"

21 aprile 2017 La sospensione di diritti e libertà fondamentali sanciti dallo stato di emergenza proclamato dal premier Erdogan non riguardano il caso del giornalista italiano: lo sostiene un team di avvocati dell'Associazione studi giuridici sull'immigrazione

bannerHead

Del Grande, domani la visita del console e dell’avvocato al giornalista

20 aprile 2017 Lo annuncia su Facebook Alberto Tetta, giornalista italiano da tempo in Turchia e amico di Gabriele. “Assurdo che siamo qui a festeggiare un diritto basilare per una persona in detenzione amministrativa. Speriamo di vederlo presto libero, ma va tenuta alta l’attenzione sulla vicenda”

bannerHead

"Libertà per Gabriele del Grande": cresce la mobilitazione

20 aprile 2017 Il Gvc si unisce all’appello per l’immediato rilascio del giornalista detenuto in Turchia. Oggi mobilitazione a Bologna alle 18 in Piazza Maggiore, in contemporanea con altre città italiane. "Viviamo con grande preoccupazione la sua condizione attuale e chiediamo che venga liberato subito"

bannerHead

"Gabriele libero": 300 persone in piazza a Lucca

19 aprile 2017 I manifestanti, tra loro anche le due sorelle del giornalista, hanno esposto un grande striscione con la foto di Gabriele e la scritta ‘Gabriele libero’. Lucca è la città natale di Del Grande, che qui ha trascorso la sua vita fino a 18 anni

bannerHead

Del Grande, Manconi: "La situazione si sta aggravando, serve mobilitazione"

19 aprile 2017 Appello di amici e familiari del giornalista: “necessario che le massime istituzioni del Paese si attivino con urgenza nei confronti delle autorità turche per garantire la tutela dei diritti di un proprio cittadino”. Tra i firmatari Concita De Gregorio, Daniele Vicari, Valerio Mastandrea

bannerHead

Del Grande, "alla delegazione italiana è stato impedito di vederlo"

19 aprile 2017 Lo comunica il senatore Luigi Manconi: “Al viceconsole italiano ad Ankara e all’avvocato turco non è stato consentito di vederlo. La delegazione italiana non è stata fatta entrare nel centro dove è detenuto. Interverremo presso il ministero degli Esteri. Palese violazione della convenzione di Vienna”

bannerHead

Del Grande, parla la compagna: "Da oggi in sciopero della fame anche noi"

19 aprile 2017 Dopo giorni di silenzio parla Alexandra D’Onofrio: “Gabriele non ha commesso nessun reato, deve essere rilasciato subito”. Al via una staffetta del digiuno. “Ci stiamo mobilitando, ma non siamo in polemica con le autorità italiane”

bannerHead

“Mobilitatevi per me”, in tanti rispondono all’appello di Del Grande

19 aprile 2017 Stasera alle 18 sarà Lucca, la città natale del giornalista fermato in Turchia il 10 aprile, a dare il via alle mobilitazioni per chiederne la liberazione. Il 20 aprile tocca a Bologna, a Milano, che in poche ore ha raccolto 1.700 adesioni, e a Venezia. Il 21 a Pisa. E poi appelli, post, petizioni: tutti con l’hashtag #iostocongabriele. Nel pomeriggio conferenza stampa al Senato

bannerHead

Turchia, Del Grande: "Sono in sciopero della fame, mobilitatevi per me"

18 aprile 2017 E’ la prima telefonata che il giornalista riesce a fare dopo 9 giorni di prigionia. Ai familiari ha detto: “La ragione del fermo è legata al contenuto del mio lavoro. Ho subito interrogatori al riguardo”. Ma rassicura: “Sto bene”

bannerHead

Pena di morte, esecuzioni in calo: 1.032 in 23 paesi. In Usa sempre meno

11 aprile 2017 Rapporto di Amnesty: rispetto allo scorso anno si registra un -37%. La Cina resta maggior esecutore al mondo e i dati restano "segreto di stato": con Iran, Arabia Saudita, Iran e Pakistan ha eseguito l’87% di tutte le sentenze capitali. Usa fuori dalla lista dei “primi cinque” per la prima volta

bannerHead

Siria, sei anni di violenze. Così è cambiato il volto del paese

15 marzo 2017 Oggi, 15 marzo, si celebra il sesto anniversario della crisi che ha sconvolto la Siria. Una guerra devastante sia per la sua violenza che per i gravi effetti collaterali. Siriani in trappola, mentre Amnesty lancia una campagna e Msf spiega come è cambiata l’assistenza medica alle popolazioni

bannerHead

8 marzo. Lina Khalifeh, la donna che insegna l’autodifesa in Medio Oriente

08 marzo 2017 Giordana, 30 anni, ex campionessa di Taek Won Do, Lina ha fondato “She Fighter”, la prima palestra per l’autodifesa delle donne in Medio Oriente. Il suo obiettivo? Combattere la violenza di genere e rendere le donne sicure di sé. Sono 12 mila quelle formate, tra cui l’attrice Emma Watson. “Per cambiare la società bisogna cambiare se stesse”

bannerHead

Donne acrobate tra lavoro e famiglia: costrette al part time e non tutelate

07 marzo 2017 8 Marzo. Non è solo la mancanza di occupazione a penalizzarle. Ultime in Europa per accesso al mercato del lavoro, continuano ad avere impieghi scarsamente qualificati, sono costrette ad accettare il part time (+91,6% dal 2008), guadagnano meno dei colleghi maschi e alle attività familiari dedicano il triplo del tempo degli uomini. I dati del Censis

bannerHead

8 marzo, l'Aism festeggia le donne con una gardenia contro la Sclerosi

26 febbraio 2017 Una gardenia contro la sclerosi multipla. Per la Festa della Donna, il 4, 5 e 8 marzo torna in 5 mila piazze italiane la tradizionale manifestazione di solidarietà promossa dall'Associazione Italiana Sclerosi Multipla e dalla sua Fondazione (Fism). 10 mila volontari impegnati ad offrire una pianta di gardenia a fronte di un contributo minimo di 15 euro

bannerHead

Premio Amnesty: ecco le 10 canzoni sui diritti umani in gara

24 febbraio 2017 Quella del 2017 è la quindicesima a edizione del Premio dedicato ai big della musica italiana ed emergenti. Dal 20 al 23 luglio il festival “Voci per la libertà”, che ospita il premio. Scadenza il 22 aprile, per gli artisti che si iscriveranno entro l’11 marzo c’è l’opportunità in più del premio Web Social.

bannerHead

Il mondo volta le spalle alle atrocità di massa. Diritti, uccisioni in 22 paesi

22 febbraio 2017 Rapporto sui diritti umani di Amnesty International. L’indifferenza verso i crimini di guerra, commessi ancora in 23 paesi, è diventata la norma. “Società civile deve resistere”. Difensori dei diritti umani nel mirino: persone prese di mira per aver contrastato profondi interessi economici, aver difeso minoranze e piccole comunità o aver cercato di rimuovere ostacoli posti ai diritti

bannerHead

Da Trump a Orbàn, il 2016 è l'anno della paura. "Tornati agli anni 30"

22 febbraio 2017 Lo dice il rapporto 2016-2017 di Amnesty International che analizza lo stato dei diritti umani in 159 paesi. “I governi hanno chiuso gli occhi di fronte a crimini di guerra, favorito accordi che pregiudicano il diritto a chiedere asilo, approvato leggi che violano la libertà di espressione". Migranti e rifugiati facili capri espiatori

bannerHead

Omicidio Regeni, "no al ritorno dell’ambasciatore italiano in Egitto"

17 febbraio 2017 Luigi Manconi (Commissione diritti umani del Senato), Antonio Marchesi e Gianni Rufini (Amnesty International Italia) e Patrizio Gonnella (Antigone e Coalizione italiana libertà e diritti civili) si schierano contro l’eventualità suggerita da Nino Sergi (Intersos). “Il rientro dell'ambasciatore potrebbe essere inteso dal Cairo come segno di un ritorno alla normalità”

bannerHead

Mutilazioni genitali, Unicef: 200 milioni di ragazze e donne vittime in 30 paesi

06 febbraio 2017 Secondo i dati dell'Unicef e dell'Unfpa, nel mondo almeno 200 milioni di ragazze e donne in 30 paesi hanno sofferto di una qualche forma di mutilazione genitale. Metà delle donne e delle ragazze mutilate vive in tre paesi: Egitto, Etiopia e Indonesia. A oltre 730 mila è stato garantito accesso a servizi di prevenzione, protezione e cure

522 Contenuti - Pagina 3 di 27