:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Figli del giorno

Cerca
Cerca in tutto il sito in Figli Del Giorno
Stampa Stampa

La figura materna, centrale alla storia dell’umanità

Come per il Natale, anche per la fine dell’anno si cumulano due feste. Il 31 si ricorda la Sacra famiglia; il 1° Gennaio si onora Maria SS. Madre di Dio.
I testi liturgici variano, ma il tema centrale rimane la figura della Madonna, ricordata e venerata come madre.
Lo è per la sua maternità, ma anche come appartenente alla famiglia di Nazaret.
La devozione è estesa in tutta la cristianità perché la figura materna è centrale alla storia dell’umanità. Le tre religioni monoteiste, il giudaismo, il cristianesimo e l’islamismo hanno precluso alla donna la funzione sacerdotale. Non per questo la centralità della donna è venuta meno. La Genesi ricorda Eva, la madre dei viventi e una gran quantità di donne sono ricordate per aver contribuito alla costruzione del mondo e alla sua salvezza.

La liturgia esprime prima di tutto gioia. La proclama il salmo 104

“Rendete grazie al Signore e invocate il suo nome,
proclamate fra i popoli le sue opere.
A lui cantate, a lui inneggiate,
meditate tutte le sue meraviglie.

Gloriatevi del suo santo nome:
gioisca il cuore di chi cerca il Signore.
Cercate il Signore e la sua potenza,
ricercate sempre il suo volto.”

Lo ripete il salmo 66:

“Gioiscano le nazioni e si rallegrino,
perché tu giudichi i popoli con rettitudine,
governi le nazioni sulla terra.

Ti lodino i popoli, o Dio,
ti lodino i popoli tutti.
Ci benedica Dio e lo temano
tutti i confini della terra.”

La sensibilità odierna è molto attenta al rispetto della donna, nonostante perseverino atteggiamenti di aggressione e di potere nei suoi confronti. Per i cristiani Maria è la “madre di Dio”.
Un titolo non soltanto onorifico, ma portatore della teologia della creazione: Dio, attraversando l’umanità, esalta la maternità. Ritornano le parole profetiche dell’Apocalisse:
“Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul capo una corona di dodici stelle. Era incinta e gridava per le doglie e il travaglio del parto”. (Ap 12, 1 e s.)
Non è soltanto creatrice, ma anche salvatrice: “Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre. Maria di Cleofa e Maria di Magdala.
Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: "Donna, ecco il tuo figlio!".
Poi disse al discepolo: "Ecco la tua madre!".
E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa” ( Gv 19,25-27 ).
I toni non sono esaltanti come quelli riservati ad una regina, ma come a donna del popolo, chiamata ad una grande missione. Ella l’adempie con coraggio e perseveranza, attraversando le fasi della vita di un figlio difficile da comprendere e da seguire.
Aveva già proclamato, all’annuncio dell’angelo: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto».
Rimarrà fedele nei momenti belli e in quelli dolorosi delle vicende vissute, rimettendosi alla mano di Dio. Come molte donne e madri che seguono le loro famiglie. Eroiche ed umili; forti e affettuose; insostituibili nelle storie umane.

31 Dicembre 2017 - ANNO B
Santa Famiglia 
1ª Lett. Gn 15, 1-6; 21, 1-3 - 2ª Lett. Eb 11, 8.11-12.17-19 - Vangelo Lc 2, 22-40)

1° Gennaio 2018  - ANNO B
Maria SS. Madre di Dio
1ª Lett. Nm 6,22-27 - 2ª Lett. Gal 4,4-7 - Vangelo Lc 2,16-21)

Stampa Stampa