25 giugno 2019 ore: 17:36
Società

Diritti, Toscana e comuni rafforzano l'impegno contro l'omofobia

Con un accordo firmato negli ultimi giorni la Regione e le pubbliche amministrazioni, aderenti alla rete nazionale contro le discriminazioni legate all'orientamento sessuale o all'identità di genere (Ready), si impegnano a coinvolgere sempre di più le associazioni Lgbti locali

FIRENZE - La Toscana rafforza il proprio impegno contro l'omofobia. Con un accordo firmato negli ultimi giorni la Regione e le pubbliche amministrazioni, aderenti alla rete nazionale contro le discriminazioni legate all'orientamento sessuale o all'identità di genere (Ready), si impegnano a coinvolgere sempre di più le associazioni Lgbti locali. Un lavoro che ha come stella polare il consolidamento della stessa rete, nel tempo distintasi per la realizzazione di numerose iniziative di rilievo come il 'festival dei diritti’, rassegne cinematografiche, Human libraries. L'intento di questa intesa, chiarisce la vicepresidente della Toscana e assessore alla Cultura, Monica Barni, "è promuovere i diritti delle persone Lgbtiqa e la non discriminazione per motivi legati all'orientamento sessuale e all'identità di genere, ma anche rafforzare la collaborazione tra le pubbliche amministrazioni e integrare il più possibile le politiche a livello regionale".

Regione ed enti locali promettono di organizzare iniziative di sensibilizzazione rivolte ai dipendenti delle amministrazioni, della polizia locale, delle direzioni territoriali e del lavoro, e a coloro che sono impegnati nelle scuole, nell'assistenza socio-sanitaria. Barni prende atto con amarezza, ad ogni modo, che talvolta "l'appartenenza a Ready viene strumentalizzata determinando il recesso o l'adesione in ragione del cambiamento del colore politico dei governi locali. In realtà aderire e partecipare significa voler raccogliere le esigenze di tutti- avvisa-, anche delle persone Lgbtiqa che spesso vivono situazioni di criticità in ragione del loro orientamento sessuale o della identità di genere". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale