12 luglio 2019 ore: 13:17
Società

Viaggio solidale in Libano, in partenza con il Cospe

Dal 4 al 13 ottobre 2019, un viaggio di turismo equo e solidale in Libano: conoscenza delle comunità, basso impatto ambientale, sostegno all’economia locale e rispetto delle tradizioni culturali
FIRENZE - “Fate che il vostro spirito avventuroso vi porti sempre ad andare avanti per scoprire il mondo che vi circonda con le sue stranezze e le sue meraviglie. Scoprirlo significherà, per voi, amarlo”. E’ con una frase del poeta Kahlil Gibran che la ong Cospe promuove, dal 4 al 13 ottobre 2019, un viaggio di turismo equo e solidale in Libano: conoscenza delle comunità, basso impatto ambientale, sostegno all’economia locale e rispetto delle tradizioni culturali. Sono questi i valori alla base di un viaggio che, nello spirito dell’Associazione Italiana del Turismo Responsabile di cui siamo membri, porterà i viaggiatori a scoprire il Libano ma anche i nostri progetti. Costo del viaggio 1.980 euro di cui 170 di donazione al Cospe.

Cultura, natura e cooperazione internazionale in un unico itinerario che prevede mete culturali come la capitale Beirut, le antiche città di Byblos e Baalbek e un trekking di 5 giorni alla scoperta delle montagne del nord tra cedri secolari, profonde vallate, imponenti picchi e monasteri nella roccia.Il percorso si snoderà sul Lebanon Mountain Trail (LMT), un sentiero di oltre 470 km che unisce tutto il Libano e dove Cospe ha lavorato con un progetto europeo per tre anni proprio per lo sviluppo di percorsi eco turistici e per ripristinarne l’agibilità di alcuni tratti. Di villaggio in villaggio e fermandosi nelle guest house e nei piccoli bed breakfast nati con il progetto, oppure facendo sosta nell’antico monastero di Mar Antonios Qozhaya, si scopriranno le tante diversità culturali del paese, gustando il cibo tradizionale e immergendosi in meravigliosi paesaggi naturali ricchi di testimonianze storiche.

Il trekking su questo percorso è di difficoltà medio/bassa: si tratta di una passeggiata di circa 10 km al giorno e, nello zaino in spalla, ci sarà da portare solamente il necessario per la giornata; il bagaglio principale sarà trasportato da un pulmino che ci seguirà in ogni tappa.Al termine del trekking è previsto un trasferimento a Byblos, sul mare, dove dedicheremo una giornata alla visita della città, dichiarata dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità. 
© Copyright Redattore Sociale