Giustizia

CITTÀ, CRIMINALITÀ, PAURE Sessanta parole chiave per capire e affrontare l’insicurezza urbana

Autore: a cura di Giandomenico Amendola
Anno: 2008
Editore: Liguori Editore
Pagine: 256
La criminalità urbana non è un fenomeno nuovo, né lo è la paura. Quella paura collettiva che dagli anni ’50 sembrava sotto controllo e che invece ha ripreso forza. Problemi antichi che oggi si presentano con connotazioni particolari. Una paura collettiva unita all’andamento preoccupante della criminalità che crea il problema della sicurezza urbana, gli stessi amministratori sono bombardati da informazioni, analisi, emozioni, domande di intervento e i cittadini anch’essi storditi, avvertono il bisogno di strumenti razionali per affrontare crescenti pericoli e per non lasciarsi andare a reazioni legate all’emotività. “Abitazione, bambini, bullismo, donne, giovani, immigrati, lavavetri, marginalità, media, mercato, microcriminalità, mura, notte, nuove paure, periferie, politiche di sicurezza urbana, prigioni, prostituzione, rischio, rom, stazioni ferroviarie, stereotipo, strada, tolleranza zero, videosorveglianza…” sono alcune delle sessanta voci redatte da 40 studiosi che il testo propone. Un lessico, un insieme coordinato di informazioni per capire le cause e le forme di queste paure le loro conseguenze sulle istituzioni, sulla forma della città, sui nostri comportamenti e sulla nostra vita quotidiana.

Cerca nella sezione libri

in calendario