Giustizia

NEL VENTRE DELLA BESTIA

Autore: di Jack Hanry Abbott
Anno: 2014
Editore: DeriveApprodi
Pagine: 192
Nel ventre della bestia - copertina libro

Rapinatore di banca, detenuto, e di lì omicida. Poi ancora autore di bestseller, uomo libero, miliardario, ma assassino recidivo. Di nuovo carcerato, infine suicida. Questa è stata la vita di Jack Henry Abbott, il criminale letterato più celebre d’America. Nel ventre della bestia è infatti uno dei libri più sconvolgenti mai scritti sulle prigioni americane. Pubblicato per la prima volta nel 1981 e tradotto da Mondadori l’anno seguente, è diventato un libro di culto per la crudezza del racconto e l’abilità letteraria del suo autore. La storia di questo libro comincia con l’amicizia tra Abbott e il romanziere Norman Mailer, alla fine degli anni Settanta. Quando Abbott si trova in prigione nello Utah per rapina a mano armata in una banca e durante la detenzione uccide un altro carcerato. Nasce una corrispondenza con Mailer che assume fin da subito un tono letterario e che viene pubblicata sulla prestigiosa rivista “New York Review of Books” riscontrando un enorme successo di pubblico. Ne segue la pubblicazione del libro "Nel ventre della bestia" che diventa un best seller. Successo e clamore consentono ad Abbott di guadagnare la libertà condizionata. Rimesso in libertà nell’81 si stabilisce a Greenwich, il quartiere radical di New York, e diventa il beniamino della high society. Ma a placarlo non bastano né la fama né i soldi. Sei settimane dopo il suo rilascio, in un alterco davanti a un ristorante, pugnala a morte un cameriere di 22 anni. Riarrestato, al processo è condannato ad altri 15 anni di prigione e poi a pagare oltre 7 milioni e mezzo di dollari ai familiari della vittima. Nel febbraio del 2002 si impicca alle sbarre della sua cella. Ha 58 anni.

Cerca nella sezione libri

in calendario