25 agosto 2017 ore: 16:59
Giustizia

Carceri. Garante Marche: Montacuto sovraffollata e pochi agenti

"Problemi di sovraffollamento e carenza di organico al carcere di Montacuto", in provincia di Ancona. Il Garante regionale dei diritti delle Marche Andrea Nobili ha visitato nuovamente l'istituto penitenziario dove, a fronte di una capienza regolame...

"Problemi di sovraffollamento e carenza di organico al carcere di Montacuto", in provincia di Ancona. Il Garante regionale dei diritti delle Marche Andrea Nobili ha visitato nuovamente l'istituto penitenziario dove, a fronte di una capienza regolamentare di 256 detenuti, sono recluse 300 persone. Tra questi anche molti extracomunitari. "La situazione di sovraffollamento delle celle si sta sensibilmente aggravando a causa dei continui trasferimenti da altri istituti penitenziari, con il rischio che non vengano rispettati i parametri di vivibilita' riconosciuti dalla Corte Europea per i diritti dell'uomo", spiega Nobili. Alle problematiche legate al sovraffollamento "si aggiungono quelle della presenza di detenuti con problemi di tossicodipendenza e patologie psichiatriche". Altra questione, poi, la "significativa carenza di organico della polizia penitenziaria decisamente al di sotto di quanto previsto dalle indicazioni ministeriali".

Alla fine di luglio il Garante aveva inviato al Dipartimento e al Provveditorato dell'amministrazione penitenziaria un'informativa sulle criticita' che si stavano registrando a Montacuto chiedendo l'attivazione di interventi. Nobili ha nuovamente scritto agli uffici ministeriali il 23 agosto per evidenziare l'aggravamento della situazione. "Il mio timore e' quello di una relativa consapevolezza della situazione da parte del Provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria, accorpato recentemente all'ambito dell'Emilia Romagna- conclude Nobili- con un provveditore che si trova a svolgere anche la funzione di reggente per le aree del Veneto, del Friuli Venezia Giulia e del Trentino Alto Adige".

(DIRE)

© Copyright Redattore Sociale