3 febbraio 2017 ore: 15:14
Disabilità

Privare dell’insegnante di sostegno è discriminazione: ordinanza del Tribunale

Ad un'allieva di una scuola superiore sono stati assegnati docenti curricolari appartenenti all’organico dell’autonomia e del potenziamento, ma il Tribunale chiarisce: “L’alternanza di docenze curricolari è una forma di discriminazione indiretta per l’alunno disabile, che viene posto in una posizione di svantaggio nell’accesso all’istruzione”
Bambino a scuola fa i calcoli

- ROMA – Gli alunni disabili hanno diritto all’insegnante di sostegno: assegnare docenti curricolari o di potenziamento costituisce discriminazione indiretta. Questo il messaggio di una recente ordinanza del Tribunale di Livorno (30 gennaio 2017), arrivata a dirimere una controversia tra la famiglia di una ragazzina ed una scuola superiore. Questo il caso: l’alunna a settembre del 2016 rientrava a scuola e, come previsto dal Piano educativo individualizzato (Pei), avrebbe dovuto essere supportata da un docente di sostegno per 18 ore settimanali; invece ad accoglierla c’erano i docenti curricolari appartenenti all’organico dell’autonomia e del potenziamento (figure introdotte dalla Legge n. 117/2015 cosiddetta “Buona scuola”).

Questa alternanza di docenze ha sacrificato fortemente il diritto alla continuità educativo-didattica, come riconosciuto dal Tribunale, privando la discente della possibilità di seguire una programmazione strutturata, cosa fattibile soltanto se il docente è assegnato ad un alunno con una certa continuità. Negli alunni con patologie di tipo relazionale il danno che può essere arrecato è ancora più grave, tenuto conto che in questi casi il livello minimo di empatia tra alunno e docente lo si raggiunge faticosamente dopo mesi di incontri. Inoltre, il docente di sostegno è stato nominato alla metà di novembre e fino a quel momento l’alunna ha dovuto confrontarsi con una soluzione organizzativa non poco penalizzante. L’amministrazione scolastica ha difeso le proprie scelte organizzative, escludendo che ciò comportasse una forma discriminatoria, ma l’ordinanza ha ritenuto il contrario: l’alternanza di docenze curricolari è una forma di discriminazione indiretta per l’alunno disabile, che viene posto in una posizione di svantaggio nell’accesso all’istruzione. 

Ciò che è innovativo di questo pronunciamento, come mette in evidenza l’avvocato Silvia Bondi su Orizzonte Scuola, è che interviene a ridosso della sperimentazione della Legge 107/2015, evidenziandone le prime criticità. “Non è un caso infatti che il Governo sia proprio in questi giorni a lavoro  - ricorda Bondi -  per rimettere mano ad alcuni aspetti colpiti da un vuoto normativo, tra cui la formazione e il ruolo dei docenti di sostegno affinché si proceda concretamente verso la reale inclusione degli alunni con bisogni speciali”. (ep)

© Copyright Redattore Sociale