12 giugno 2019 ore: 11:34
Immigrazione

Aquarius, un anno dopo: "Corsa al ribasso sulla vita delle persone"

L'accusa di Medici senza frontiere e Sos Mediterranèe: "Lo stallo in mare è diventato la regola. Impasse politica, chiediamo a Stati Ue di ripristinare il soccorso in mare"
Migranti, salvataggio in mare, barconi - SITO NUOVO
ROMA - “La risposta dei governi europei alla crisi umanitaria nel Mar Mediterraneo e in Libia è stata una corsa al ribasso. Un anno fa abbiamo implorato i governi europei di mettere al primo posto la vita delle persone. Abbiamo chiesto un intervento per mettere fine alla disumanizzazione delle persone vulnerabili in mare per finalità politiche. Invece, ad un anno di distanza, la risposta europea ha raggiunto un punto ancora più basso”. A sottolinearlo è Annemarie Loof, responsabile per le operazioni di Medici senza frontiere, nell’anniversario del divieto di accesso per la nave Aquarius ai porti italiani. Un anno fa, infatti, il governo italiano annunciava di voler chiudere i propri porti alle navi umanitarie. Da questo “primo stallo politico sul destino delle persone salvate nel Mar Mediterraneo centrale, almeno 1.151 persone, uomini, donne e bambini vulnerabili, sono morte, e oltre 10.000 sono state riportate forzatamente in Libia, esposte ad ulteriori ed inutili sofferenze. Queste morti, che si sarebbero potute evitare, rivelano il costo umano di politiche europee irresponsabili”, affermano Medici Senza Frontiere (MSF) e Sos Mediterranèe, le due organizzazioni promotrici di Aquarius. 

Stallo in mare: la nuova “regola” . Secondo le ong da quando è stato bloccato l’ingresso nei porti italiani alla nave di ricerca e soccorso Aquarius, lo stallo è diventato la nuova regola nel Mar Mediterraneo centrale, con oltre 18 incidenti documentati. Questi blocchi si sono protratti per un totale di 140 giorni, ovvero più di 4 mesi in cui 2.443 uomini, donne e bambini vulnerabili sono rimasti trattenuti in mare mentre i leader europei decidevano il loro futuro.  La criminalizzazione del salvataggio di vite in mare non solo porta conseguenze negative per le navi umanitarie, ma sta erodendo il principio fondamentale del prestare assistenza alle persone che si trovano in pericolo -  spiegano le due organizzazioni —. Le navi commerciali, e addirittura quelle militari, sono sempre più riluttanti nel soccorrere le persone in pericolo a causa dell’alto rischio di essere bloccate in mare e di vedersi negato lo sbarco in un porto sicuro. Per le navi mercantili che effettuano un salvataggio, in particolare, diventa estremamente complicato rimanere bloccati o essere costretti a dover riportare le persone in Libia, in contrasto con il diritto internazionale. “Un anno fa chiedevamo che stalli politici pericolosi e disumani in mare non costituissero un precedente. Invece, è esattamente quello che è successo” afferma Sam Turner, capomissione MSF in Libia. “Questa impasse politica tra i paesi europei e la loro incapacità di mettere la vita delle persone al primo posto, è ancora più scioccante oggi mentre i combattimenti continuano a imperversare a Tripoli”. 

Riportati indietro in un ciclo di violenza. Solo nelle ultime 6 settimane, un numero crescente di persone vulnerabili ha cercato di fuggire dalla Libia, con oltre 3.800 persone che sono salite a bordo di imbarcazioni insicure per tentare l’attraversata. Anche se l’Unhcr e altre organizzazioni come Msf hanno chiesto un’evacuazione umanitaria di rifugiati e i migranti dalla Libia dall’inizio del conflitto a Tripoli, la realtà è che per ciascuna persona che viene evacuata o trasferita nel 2018, più del doppio viene riportato forzatamente in Libia dalla Guardia costiera libica. I leader europei supportano questi respingimenti pur conoscendo benissimo il ciclo di sfruttamento, torture, violenza sessuale e detenzione arbitraria cui queste persone sono esposte in Libia.

“L’assenza di navi umanitarie nel Mediterraneo centrale in questo periodo mostra l’infondatezza dell’esistenza di un fattore di attrazione” dichiara Frédéric Penard, direttore delle operazioni di Sos Mediterranèe. “La realtà è che anche con un numero sempre minore di navi umanitarie in mare, le persone con poche alternative continueranno a provare questa attraversata mortale a prescindere dai rischi. L’unica differenza, ora, è che queste persone corrono un rischio quattro volte maggiore di morire rispetto all’anno scorso, secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni”.

Per questo le due organizzazioni chiedono agli Stati europei di garantire con urgenza un sistema di ricerca e soccorso in mare produttivo e adeguato, con delle autorità di coordinamento competenti e reattive nel Mar Mediterraneo, per evitare morti inutili;  porre fine alle azioni punitive contro le ong che provano a fornire assistenza e soccorso umanitario in mancanza di tale sistema d’intervento; mettere fine all’attuale supporto politico e logistico al sistema di respingimenti forzati di rifugiati, richiedenti asilo e migranti in Libia, in una condizione di detenzione arbitraria e disumana;  istituire sistemi di sbarco sostenibili, affidabili e prevedibili che offrano luoghi sicuri dove i sopravvissuti siano trattati umanamente, con servizi appropriati e dove si possa richiedere asilo. 

© Copyright Redattore Sociale