19 settembre 2017 ore: 13:33
Disabilità

Marche, stanziamento “straordinario” di un milione per l'assistenza domiciliare indiretta

Approvato il provvedimento proposto dal presidente della Regione Ceriscioli: il fondo è rivolto alle persone con disabilità grave beneficiarie di assistenza domiciliare indiretta nel 2015, ma escluse dal servizio nel 2016, a causa di una rivalutazione dei parametri ministeriali. “Stanziamento straordinario ma necessario”
Cumuli di soldi, tagli, economia

ROMA – Uno stanziamento “straordinario” di 1milione di euro per garantire l'assistenza domiciliare ai cittadini marchigiani con disabilità grave: lo ha deciso stamattina la giunta regionale, approvando il provvedimento proposto dal presidente della Regione Luca Ceriscioli. Beneficiari saranno coloro che nel 2015 hanno ricevuto il servizio di assistenza domiciliare indiretta, per via della loro condizione di particolare gravità, ma nel 2016 ne sono stati esclusi, a causa di una rivalutazione dei parametri ministeriali. Il provvedimento proposto dal presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli è stato approvato questa mattina dalla giunta. 

“Uno stanziamento straordinario ma necessario – lo definisce Ceriscioli - Uno sforzo da parte dell'amministrazione nello stanziare ulteriori risorse che garantiranno il sostegno della nostra comunità a quei disabili e alle loro famiglie che sono rimasti esclusi dai nuovi criteri”. 

L’individuazione dei beneficiari, in base alla delibera, viene demandata agli enti locali, che devono differenziare quelli inseriti in un contesto esclusivamente domiciliare da quelli inseriti in un contesto scolastico o semiresidenziale, demandando poi ai rispettivi enti capofila di ambiti territoriali sociali l’invio degli elenchi al Servizio Politiche sociali. Le risorse vengono ripartite in base a dei limiti stabiliti. In ogni caso, il contributo viene determinato in base alla condizione attuale del beneficiario rilevata

Si prevede inoltre che, qualora i beneficiari del provvedimento intendano fare domanda di riconoscimento della condizione di disabilità gravissima per l’annualità 2017 e nell’ipotesi che questa venga loro riconosciuta, si provvederà a corrispondere, in sede di liquidazione, una somma aggiuntiva pari alla differenza tra la quota percepita e quella spettante.

© Copyright Redattore Sociale