12 gennaio 2018 ore: 14:41
Salute

Arte e musica nel reparto oncologico nel tempo dell’attesa

All’ospedale di Vasto Luca Raimondi (musicoterapeuta) e Roberta Mininni (arteterapeuta) tengono laboratori settimanali, che aiutano a liberare energia creativa e alleggerire, per qualche momento, la sofferenza
Arte e musica in oncologia - Progetto Chieti 3

ROMA - Arte e musica nel tempo dell’attesa e della terapia: accade nel reparto di oncologia dell’ospedale di Vasto dove canzoni, colori, colla e oggetti che si vestono di - nuova vita aiutano a liberare energia creativa e ad alleggerire, per qualche momento, la sofferenza. Le attività, ricorda l’Azienda sanitaria locale Lanciano Vasto Chieti, hanno cadenza settimanale: la musicoterapia il giovedì, dalle ore 10 alle 12.30, e l'arteterapia il venerdì, dalle ore 9 alle 12.30. L’iniziativa, spiega l'Asl, è sostenuta da Nicola D'Ostilio, oncologo responsabile del Servizio, "convinto sostenitore del prezioso contributo offerto alla cura dall'arte nelle sue diverse espressioni, efficace più di qualunque farmaco nel permeare l'animo l'umano e alleviare la pena".

A fianco dei pazienti oncologici Luca Raimondi (musicoterapeuta) e Roberta Mininni (arteterapeuta). “Attraverso una canzone i pazienti ricordano e scambiano storie, esperienze, vissuti, - sottolineano i promotori - lasciando riaffiorare emozioni e immagini custodite tra le cose belle della memoria, che come linfa caricano di energia positiva la quotidianità affannosa di chi convive e combatte con il cancro. La cur?a è anche questa.” 

Arte e musica in oncologia - Progetto Chieti 2

E stesso obiettivo sostiene il laboratorio di arte. “I materiali vivono più vite, e bottoni, corde, tessuti, piume prendono forme nuove, diventando creazioni artistiche inedite, fantasiose, divertenti, che regalano emozioni”. Così, creando momenti di evasione,  si libera la mente e si combatte l'angoscia.

Arte e musica in oncologia - Progetto Chieti 1
© Copyright Redattore Sociale

Cerca nella sezione libri

in calendario