31 gennaio 2015 ore: 12:00
Società

"Teach4Learn": insegno e imparo a costo zero. Sulla rete si baratta il sapere

Lezioni e ripetizioni gratis grazie al primo social network in grado di collegare tra loro persone con diverse conoscenze e abilità. Più di 400 le discipline proposte e 6 mila gli iscritti, moneta di scambio è la conoscenza. Canto, inglese, letteratura, arte, chimica: insegnando si guadagna il tempo da spendere poi per imparare
Teach4Learn Baratto sapere
Teach4Learn Baratto sapere

ROMA - Maria insegna lettere e letteratura, Alessio snowboard, Paolo fotografia, Claudia sci, Deborah fsica e Alessandra storia dell’arte. Daniele invece, vuole imparare la musica, Fausto l’informatica, Alessandro l’arabo e Fabiana la filosofia. C’è chi è disposto a dare lezioni di canto, autocad e chimica, qualcuno anche di attività domestiche, bricolage, calcio ed elettricità. Cosa hanno in comune queste persone? La possibilità di fare incontrare domanda e risposta a costo zero, perché tutte “sono disposte ad insegnarti gratuitamente ciò che desideri” in cambio del tuo stesso sapere. A rendere possibile tale permuta è “Teach4Learn” un social network in grado di collegare tra loro uomini e donne con diverse conoscenze e abilità, per imparare qualsiasi cosa e soprattutto gratis. L’ideatore è Paolo Balloni che ha realizzato il progetto insieme a Michele Del Giudice, Andrea Cella e Alessandro Ferrarini.

La prima community in cui si baratta il sapere ha assunto come moneta di scambio “la conoscenza”, insegnando, si guadagna il tempo da spendere per apprendere. “L'idea - racconta Paolo Balloni - è nata quando mi sono trovato, ancora iscritto alla facoltà di ingegneria, nella situazione di voler imparare matematica per dare alcuni esami, ho incontrato un’amica (già ingegnere) interessata al funzionamento delle amministrazioni nella libera professione (io ero uno studente lavoratore già libero professionista da tempo). Così abbiamo deciso che lei avrebbe insegnato a me, ed io avrei insegnato a lei”. Ognuno di noi sa o sa fare qualcosa e vorrebbe sapere o saper fare qualcos'altro; da qui il desiderio di Balloni di creare uno strumento in cui le persone possono depositare il bagaglio delle proprie competenze e dei propri interessi in attesa che qualcuno li contatti. Il responsabile del progetto ha immaginato sin dall’inizio una struttura con tante stanze, ed in ogni stanza un’attività diversa: musica, pittura, storia, lingue ecc. Per incentivare l'interscambio del sapere è stato previsto un innovativo conteggio di ore che possono essere investite per apprendere qualsiasi attività “subito dopo aver partorito questa idea, spiega Balloni, ho dovuto pensare ad un modo per regolamentare gli interscambi, che volevo rimanessero gratuiti; ho introdotto così l'idea di TeachCoin (dal valore convenzionale di un’ora di lezione) e dei feedback per rendere il sito meritocratico”.

In questo momento di crisi la spinta maggiore su cui poggia Teach4Learn è quella di rafforzare la consapevolezza della qualità della conoscenza. Alla piattaforma possono iscriversi tutti, occorre indicare le materie che si è disposti a insegnare nel database, nel quale si possono poi cercare quelle che si vorrebbero imparare, si entra in contatto con gli utenti e il giro si attiva. Ad oggi sono quasi 6 mila gli utenti iscritti, 10 mila quelli che seguono la pagina Fb, 400 le discipline proposte e quasi 200 le ore di insegnamento accumulate. Qualcuno da Fiuggi richiede lezioni di dizione e di corretta pronuncia italiana, in cambio dona conversazioni con madrelingua inglese e spagnola, da Imperia Giuliana, laurea breve in zootecnia, è interessata al taglio e cucito, scambia conoscenze di biologia e arte, sa anche lavorare la maglia ai ferri e all’uncinetto, da Bari qualcuno ha necessità di migliorare il suo inglese e vuole avere delle lezioni-conversazioni anche via skype, in cambio offre lezioni in molte materie scientifiche e nell'utilizzo del pc. Insomma non ci sono più scuse “è il momento di dare valore a ciò che è in grado di migliorare la vita: il sapere”. (slup)

© Copyright Redattore Sociale