14 gennaio 2020 ore: 13:25
Immigrazione

Caporalato. Il ministro Catalfo: “Piano triennale a fine gennaio”

Il piano prevede dieci azioni, dalla sensibilizzazione ai trasporti, fino all’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Il plauso del Segretario Generale della Flai Cgil, Giovanni Mininni: “Necessario partire quanto prima”
ROMA - "Il caporalato è un fenomeno che bisogna certamente aggredire. Per questo abbiamo insediato un tavolo e lavorato a un piano triennale per combatterlo che andrà approvato alla fine di gennaio, con una serie di azioni, dieci in tutto, dalla sensibilizzazione all'aiuto, dal trasporto all'incrocio trasparente della domanda e dell'offerta di lavoro. Tutte azioni, queste, che verranno messe in atto per far sì che il caporale sia sempre meno presente nei nostri territori". Così il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, oggi a Roma a margine del convegno “Salute e Agroalimentare: dalla sicurezza più qualità” organizzato dall'Arma dei carabinieri presso il Comando Unità Mobili e Specializzate Palidoro. 
 
Plauso della Flai Cgil alle parole del ministro. “Accogliamo con favore l’impegno del ministro del Lavoro in merito al contrasto al caporalato e allo sfruttamento, che dovrebbe intensificarsi e strutturarsi con l’istituzione del Piano triennale per la lotta al caporalato - ha dichiarato Giovanni Mininni, Segretario Generale della Flai Cgil -. Ci auguriamo, come assicurato oggi dal Ministro Catalfo, che il Piano sia approvato entro la fine di gennaio. È necessario partire quanto prima affinché alla Legge 199/2016 si affianchino tutti gli strumenti e gli interventi volti alla prevenzione, alla vigilanza, ai controlli”. Per Mininni, un “primo atto concreto” è l’istituzione delle Sezioni territoriali della rete del lavoro agricolo di qualità in ogni provincia. “Riteniamo estremamente importante l’impegno economico di tale progetto - ha aggiunto Mininni -, ma anche il fatto che esso sia realizzato congiuntamente da tre ministeri quali Lavoro, Politiche agricole e Interno”. 
© Copyright Redattore Sociale