23 ottobre 2019 ore: 12:34
Società

Cile, “è stata la polizia a creare i disordini per giustificare la stretta repressiva”

Victoria Saez, ex dissidente della dittatura cilena, parla delle proteste scoppiate a Santiago: “I manifestanti sono pacifici, il governo vuole criminalizzarli per indebolire il movimento. Ma una democrazia non dovrebbe mai aver bisogno dei militari nelle strade”. Il bilancio sale a 15 morti, 88 feriti e più di mille persone arrestate
Per poter accedere a questo contenuto devi avere un abbonamento attivo a Redattore sociale