5 dicembre 2019 ore: 16:53
Salute

Droghe, Firenze lancia il piano da 4 milioni con una "campagna choc"

Tra i punti salienti del progetto c’è una campagna di comunicazione contro l'uso degli stupefacenti, 150 nuove telecamere, luci anti spaccio, più educatori di strada 

FIRENZE - Dieci punti e 4 milioni di nuove risorse stanziate. Sono le cifre che racchiudono il piano "per il contrasto dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti" lanciato dal Comune di Firenze. Oltre alle nuove pattuglie dei vigili tra la stazione, San Lorenzo e piazza Indipendenza (per 775.000 euro), e ai 400.000 euro utili alla realizzazione della caserma dei carabinieri nel complesso di Santa Maria Novella, tra i punti salienti del progetto c’è una campagna di comunicazione contro l'uso delle droghe: "Daremo vita ad un'operazione choc", annuncia il sindaco Dario Nardella. Oltre a questo, spiega l'assessore alla Sicurezza Andrea Vannucci, "ci saranno campagne educative contro il consumo di sostanze stupefacenti già nelle scuole medie, animate dai ragazzi delle superiori ad indirizzo artistico".

Il piano, poi, prevede il potenziamento del tavolo dei servizi per le dipendenze patologiche (Serd), coinvolgendo gli altri attori istituzionali. Inoltre è previsto un maggiore sostegno ai centri di recupero e riabilitazione: "Su questo fronte- spiega Nardella- stiamo avviando una prima collaborazione con San Patrignano. Ma penso anche a villa Lorenzi, a Firenze". Il prossimo anno "troveremo nuove risorse" per "potenziare l'esistente", prosegue Vannucci. Sul piano degli investimenti, aggiungono sindaco e assessore, "moltiplicheremo per dieci l'investimento per gli operatori di strada: da poco più di 75.000 euro a 750.000 euro in tre anni per gli educatori di strada e gli operatori per i non residenti".

Palazzo Vecchio, inoltre, mette sul piatto 500.000 euro per 150 ulteriori videocamere che andranno a sommarsi alle 950 esistenti. Infine arrivano 1.050.000 euro per potenziare l'illuminazione e qui, concludono, "faremo un lavoro ad hoc sui cosiddetti luoghi della spaccio". In pratica, la mappatura dei luoghi da illuminare sarà affidata alle forze dell'ordine, "poi noi interverremo con fari a led molto potenti". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale