25 marzo 2020 ore: 17:05
Famiglia

Online la petizione per chiedere un #decretobambini: già mille le adesioni

di Ambra Notari
In 24 ore sono già oltre mille le sottoscrizioni della lettera aperta che numerose associazioni e professionisti che si occupano di tutela dei bambini hanno scritto a governo e istituzioni. I parlamentari assicurano emendamenti per Cura Italia
Mani colorate di bambini - SITO NUOVO

ROMA – Dopo una prima diffusione, è stata lanciata su Change.org la petizione per chiedere al governo un “decreto bambini” con l’obiettivo di tutelare i minori in difficoltà, tra le persone più a rischio di questa emergenza sanitaria. In un giorno sono già state raccolte quasi mille firme, tra cui quelle di alcuni parlamentari – Paolo Siani, Rosa Maria Di Giorgi, Stefano Ceccanti, Emanuela Rossini, Paolo Lattanzio, Vittoria Casa – e della sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa, che hanno assicurato un impegno rigoroso affinché siano promossi emendamenti al Cura Italia che includano l’attenzione a bambini e ragazzi più fragili.

Tra le proposte avanzate nel documento, la costituzione di task force locali tra scuola, autorità giudiziarie, servizi sociali, sanitari e terzo settore; il proseguimento degli interventi urgenti di tutela per mettere in protezione le vittime; la sensibilizzazione delle forze dell'ordine nel gestire nel modo corretto le chiamate di aiuto che ricevono da questi bambini; il supporto per spesa alimentare, vestiti e materiali per l’igiene personale; l’aiuto per la continuità scolastica fornendo tablet o pc e materiale di cartoleria e, laddove prevista, la garanzia del diritto di visita protetta dei figli con il genitore non convivente.

Tra i primi firmatari Agevolando, Cismai, Cnca, Sos Villaggi dei Bambini; tra le nuove adesioni anche la Società italiana di Pediatria, Unicef Italia, l’Unione nazionale camere minorili, Legambiente, Federsolidarietà e InterSOS. L’invito a tutti è quello di condividere utilizzando gli hashtag #decretobambini e #restiamoattenti.


© Copyright Redattore Sociale