18 settembre 2019 ore: 13:13
Immigrazione

Oim risponde alle accuse: “Nessun nostro funzionario coinvolto in traffici e torture in Libia”

Nelle carte dei magistrati di Palermo denunce contro presunto personale dell'Agenzia collegata all'Onu in Libia. Di Giacomo: “Nel centro di Zawya non esiste un container Oim e nessuno con quei nomi. Non possiamo garantire il rispetto dei diritti umani, chiudere subito le prigioni per migranti”
Per poter accedere a questo contenuto devi avere un abbonamento attivo a Redattore sociale