14 gennaio 2020 ore: 10:30
Società

Pietre d'inciampo: dietro ogni nome una minuziosa ricerca storica

Parla Marco Steiner, presidente del Comitato di Milano, che promuove la posa dei sampietrini che ricordano i nomi dei deportati. "Partiamo dall'anagrafe e facciamo una ricerca per arrivare a qualche loro parente o amico. E quando li troviamo saltano fuori ricordi, documenti e foto". Nei prossimi giorni ne verranno posate altre 28
Per poter accedere a questo contenuto devi avere un abbonamento attivo a Redattore sociale