18 gennaio 2020 ore: 15:28
Giustizia

Pistola Taser alle forze dell’ordine. Antigone: "Preoccupati per il via libera del Governo"

Il presidente, Patrizio Gonnella: “Riteniamo un errore quello del Consiglio dei ministri di ieri. Si tratta di un’arma pericolosa e potenzialmente mortale. Auspichiamo che il Governo torni sui suoi passi”
Pistola taser - SITO NUOVO

ROMA - "Riteniamo un grave errore quello del governo che, nel Consiglio dei Ministri tenutosi ieri, ha dato il via libera alla dotazione stabile per tutti gli appartenenti alle forze dell'ordine della pistola elettrica taser, un'arma pericolosa e potenzialmente mortale, come ci dimostra la realtà dei paesi in cui è in uso". A affermarlo è Patrizio Gonnella, presidente di Antigone.

La sperimentazione del taser era partita nel settembre del 2018 in dodici città su iniziativa dell'allora ministro dell'Interno Salvini. “Secondo un'indagine della Reuters – ricorda l’associazione Antigone -, il taser ha provocato oltre mille morti nei soli Stati Uniti. La stessa azienda americana che la produce - la Taser International Incorporation, da cui deriva il nome dell'arma - chiamata in causa sulla potenziale pericolosità, ha dichiarato che esisterebbe un rischio di mortalità pari allo 0,25%. Ciò significa che se il taser venisse usato su 400 persone una di queste potrebbe morire”. 

"Nonostante il rispetto delle necessarie cautele per la salute e l'incolumità pubblica e il principio di precauzione a cui gli agenti saranno richiamati, la pericolosità di quest'arma non viene meno, soprattutto perché non è possibile sapere o stabilire se la persona cui si sta per sparare soffra o meno di cardiopatia o epilessia, due delle patologie per cui la pistola elettrica potrebbe risultare mortale". aggiunge ancora Gonnella. E ricorda come anche alcuni organismi internazionali, tra cui la Corte Europea dei Diritti Dell’uomo ed il Comitato Onu per la prevenzione della tortura, si siano espressi relativamente alle pericolosità di quest’arma e il rischio di abusi che l’utilizzo può comportare.

Antigone ricorda che, prima della pronuncia di ieri del Consiglio dei Ministri, era stato lo stesso ex Ministro Salvini - attraverso il primo decreto sicurezza - ad allargare la platea dei possibili utilizzatori di quest'arma, dando ai comuni con più di 100 mila abitanti la facoltà di dotarne gli agenti di polizia locale”. Proprio per rispondere a questa proposta Antigone aveva lanciato una campagna rivolta agli amministratori locali a cui si chiedeva, attraverso l'approvazione di un ordine del giorno, di non dare seguito a questa possibilità. Un invito a cui hanno risposto i comuni di Palermo, Torino, Milano e Bergamo.

"Quello che auspichiamo e chiediamo al governo - conclude il presidente di Antigone - è che torni sui suoi passi, rinunciando a dotare le forze dell'ordine di quest'arma che, nella pratica quotidiana diventa un sostituto del manganello e non della classica pistola. Inoltre, speriamo che questo non sia il preludio per dare seguito alla proposta emersa nei mesi scorsi di dotare anche gli agenti di polizia penitenziaria, impegnati nel lavoro nelle carceri, di questa pericolosa arma. Se ciò accadesse - conclude Patrizio Gonnella - l'opposizione di Antigone sarebbe ferma e decisa".

© Copyright Redattore Sociale