17 gennaio 2017 ore: 15:31
Salute

Pronto Alzheimer: nel 2016 quasi 5 mila richieste d'aiuto. Al via la campagna di sostegno

É la prima linea di aiuto e consulenza della Federazione Alzheimer Italia: offre consigli pratici ai familiari dei malati per aiutarli nell’assistenza quotidiana. Fino al 5 febbraio è possibile supportare questo servizio attraverso il numero solidale 45526. In Italia oltre 1,2 milioni le persone con demenza
Mani di donna anziana, Alzheimer - SITO NUOVO

ROMA - Fino al 5 febbraio con un sms o una chiamata da rete fissa al 45526 è possibile sostenere Pronto Alzheimer, la linea telefonica della Federazione Alzheimer Italia che offre un servizio di orientamento, assistenza e sostegno ai familiari dei malati. Sono 4.961 le richieste di aiuto giunte a Pronto Alzheimer nell’anno appena trascorso. E, nel complesso dei 23 anni di vita della linea telefonica, le chiamate arrivate da tutta Italia e a cui è stata data una risposta, un consiglio, un’indicazione sono oltre 145.000. 

Punto di riferimento nazionale sia per i familiari dei malati sia per le figure professionali che si occupano della malattia, il servizio risponde al numero 02-809767, a cui è possibile richiedere informazioni sulla malattia di Alzheimer e consigli di terapia occupazionale per facilitare l’assistenza e la gestione del malato in ogni momento della vita quotidiana; aiuto psicologico, consulenze legali, previdenziali e sociali; indicazioni sulle strutture sanitarie e sociali presenti sul territorio e invio di materiale illustrativo e informativo. La linea è attiva dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18 (negli altri orari e durante il fine settimana risponde una segreteria telefonica) ed è gestita da una struttura dedicata composta da 2 persone affiancate da volontari. 

“Operiamo da sempre mettendo al primo posto la dignità e la qualità di vita della persona malata e dei suoi familiari - dice Gabriella Salvini Porro, presidente di Federazione Alzheimer Italia -. Per questo sono fondamentali servizi come Pronto Alzheimer, che rispondono a necessità non solo mediche, ma anche di relazione, solidarietà e inclusione, facendo sentire i familiari meno soli”. 

L’Alzheimer è la più comune causa di demenza: ne rappresenta infatti il 60% dei casi. In Italia si stima che siano 1.242.000 le persone con demenza, destinate a diventare 1.609.000 nel 2030 e 2.272.000 nel 2050: si tratta quindi di una malattia in continuo, costante e preoccupante aumento. L’ultimo Rapporto Mondiale Alzheimer, datato settembre 2016, mette in risalto l’importanza di un’assistenza particolarmente attenta alla qualità di vita delle persone con demenza e di chi se ne prende cura. La Federazione Alzheimer risponde a questa esigenza fin dal 1993.

© Copyright Redattore Sociale