6 marzo 2018 ore: 17:21
Non profit

Dal consiglio regionale delle Marche "sì" al servizio civile per gli anziani

Via libera all'unanimità da parte del consiglio regionale delle Marche alla proposta di legge di Luca Marconi (Udc) che istituisce il servizio civile volontario per gli anziani. Attraverso la proposta di legge si consente agli enti locali, anche attraverso associazioni di volontariato e le cooperative di solidarietà, di impiegare gli anziani in attività socialmente rilevanti
Volontariato, testamento solidale, mani sovrapposte - SITO NUOVO

- Ancona - Via libera all'unanimita' da parte del consiglio regionale delle Marche alla proposta di legge di Luca Marconi (Udc) che istituisce il servizio civile volontario per gli anziani. "Questa legge e' un piccolo orgoglio per la nostra regione, tra le prime insieme al Veneto, ad approvare una normativa di questo genere- spiega Marconi-. Una normativa molto semplice ma nello stesso tempo efficace. Viene istituito il servizio civile, completamento gratuito, per gli anziani pensionati che hanno piu' di 60 anni. Attraverso la proposta di legge si consente agli enti locali, anche attraverso associazioni di volontariato e le cooperative di solidarieta', di impiegare i soggetti anziani in quelle attivita' socialmente rilevanti di loro competenza. La normativa semplifica le procedure".

Per il 2018 l'amministrazione regionale ha stanziato a bilancio circa 180mila euro. "Serviranno- prosegue Marconi- per sostenere i Comuni nell'organizzazione delle attivita' e per il pagamento della polizza assicurativa obbligatoria contro i rischi di infortuni e per la responsabilita' civile verso terzi".

Le attivita' a cui possono essere destinati i pensionati over 60 sono l'assistenza e tutela per minori o anziani, disabili, negli ospedali e nelle carceri, la sorveglianza di parchi, musei e biblioteche. "Tra le novita' piu' importanti- conclude Marconi- l'inserimento, tra le attivita' da far svolgere ai volontari, quelle relative alla sensibilizzazione per la prevenzione delle dipendenze da cibo, sostanze stupefacenti, alcool, fumo, sesso e porno dipendenza, gioco d'azzardo patologico, shopping compulsivo, televisione, internet e cellulare, in collaborazione con le strutture pubbliche competenti per materia".

Il consiglio regionale ha approvato poi la mozione della consigliera Elena Leonardi (Fdi) che chiede alla giunta regionale di attivarsi al fine di prevedere il "non assoggettamento al pagamento del ticket sanitario" per gli appartenenti alle Forze dell'ordine (Carabinieri, Forze armate e Vigili del fuoco) che non godono di copertura assicurativa I nail e qualora dovessero incorrere in infortuni sul lavoro. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Cerca nella sezione libri

in calendario