22 ottobre 2014 ore: 13:51
Disabilità

"Ballare a occhi chiusi": corsi di tango per persone con disabilità visive

Li organizza a Bologna l’associazione Retinite Pigmentosa Emilia-Romagna per favorire l’integrazione delle persone ipovedenti. “Il tango è perfetto per essere ballato a occhi chiusi”, spiega Andrea Vighi, campione italiano di tango argentino e maestro del corso
ballerina di tango non vedente

Andrea Vighi e Chiara Benati

BOLOGNA - “La verità è che una persona ipovedente è agevolata nel tango: è un ballo perfetto per essere ballato anche a occhi chiusi”: parola di Andrea Vighi, campione mondiale di tango e maestro per ‘Ballare a occhi chiusi’, corso di tango argentino organizzato in città da Rp Emilia-Romagna onlus, associazione che riunisce in regione le persone affette da retinite pigmentosa e da altre patologie rare della retina. “È una danza interiore, dove conta moltissimo il contatto con il proprio partner. Gli ipovedenti – spiega Vighi – hanno molta più consapevolezza del proprio asse, e questo è fondamentale. Di solito suggeriamo ai nostri allievi di chiudere gli occhi, cercare l’asse e sentire il partner: con questa classe speciale è del tutto superfluo, perché lo fanno naturalmente”. Al corso attualmente partecipano 5 coppie, persone – soprattutto donne – tra i 30 e i 55 anni: “Sono corsisti appassionati, ci tengono molto. È un piccolo gruppo, ma molto affiatato, che attraverso noi ha conosciuto anche una nuova socialità”.

Andrea Vighi e Chiara Benati

Vighi, maestro di ‘Ballare a occhi chiusi’ con Chiara Benati, ha cominciato questa esperienza grazie alla collaborazione con Antonella Gambini di Rp, che spiega: “Il tango è un ottimo esercizio per le persone ipovedenti, perché richiede una grande attenzione verso il movimento proprio e del partner. Essendo un ballo di figure, allena la memoria, la capacità di muoversi nello spazio e la percezione del proprio corpo, tutte abilità utili per chi ha una disabilità visiva”. La conferma arriva direttamente da Vighi, che racconta di quando un suo allievo modenese gli disse che prima delle lezioni si sentiva molto rigido nella vita di tutti i giorni poi, applicando la tecnica, la camminata del tango alla vita quotidiana, si è molto sciolto, acquisendo anche sicurezza.

Giuseppe e Cristina

Andrea e Chiara – 20 anni e 17, giovanissimi – sono i campioni italiani, europei e mondiali  (organizzati da Ido, International Dance Organization) in carica: “Certo, una medaglia d’oro è un’enorme soddisfazione. Ma i risultati che stiamo ottenendo con ‘Ballare a occhi chiusi’ sono un’emozione ancora più grande: perché per ottenere buoni risultati non possiamo contare solo su noi stessi, ma dobbiamo interagire con altre persone. ‘Ballare a occhi chiusi’, a livello personale, è anche meglio della Coppa del Mondo!”.

Il corso si tiene tutte le domeniche: prossimo appuntamento domenica 26 alle 16 allo Sport Village in via san Donato 148. Per informazioni www.retinitepigmentosa.it. (ambra notari)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news