13 settembre 2016 ore: 14:28
Giustizia

Carceri, De Pasquale (Ugl): manifestazione davanti al dap

"Contro il sovraffollamento delle carceri e l'assenza di una chiara governance del sistema penitenziario, giovedi' 22 settembre, dalle ore 11, l'Ugl Polizia Penitenziaria, in collaborazione con Ugl Lazio e Ugl Funzione Pubblica, ha organizzat...
Carcere, detenuto straniero, sbarre - SITO NUOVO

Roma - "Contro il sovraffollamento delle carceri e l'assenza di una chiara governance del sistema penitenziario, giovedi' 22 settembre, dalle ore 11, l'Ugl Polizia Penitenziaria, in collaborazione con Ugl Lazio e Ugl Funzione Pubblica, ha organizzato a Roma un presidio davanti al Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria, a Largo Luigi Daga 2". Lo rende noto il segretario nazionale dell'Ugl Polizia Penitenziaria, Alessandro De Pasquale, spiegando che "sono troppe le criticita' irrisolte del comparto, dall'alto numero di suicidi fra gli agenti alle scarse condizioni igienico-sanitarie delle strutture, passando per la gravosa condizione di sovraffollamento degli istituti: in 193 strutture della penisola sono detenute ben 54.195 persone a fronte di una capienza regolamentare di 49.600 detenuti, mentre sono operativi solo 36.391 agenti a fronte di un organico previsto di 45.507 poliziotti penitenziari".

"L'Ugl scende in piazza per sensibilizzare le istituzioni sui tanti problemi del mondo penitenziario che necessitano di scelte politiche urgenti - prosegue De Pasquale - e per chiedere che siano compiute subito azioni concrete: l'assunzione di nuovi poliziotti penitenziari; il rinnovo del contratto di lavoro, ormai bloccato da anni; il riordino delle carriere, il riallineamento dei funzionari con quelli della Polizia di Stato; il rispetto della liberta' sindacale".

L'Ugl Funzione Pubblica sara' presente in particolare per rivendicare la necessita' di prevedere l'inclusione del personale civile all'interno dei ruoli tecnici della polizia penitenziaria, al fine di garantire una maggiore sinergia tra gli operatori penitenziari e sanare inutili disparita' di trattamento.

(DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news