24 ottobre 2020 ore: 12:43
Disabilità

Cento anni al fianco di ciechi e ipovedenti. Su GRS l’anniversario dell’Uici

Nell’approfondimento del fine settimana del Giornale Radio Sociale un viaggio nel centenario dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti alla vigilia della ricorrenza con gli interventi di Mario Girardi, presidente dell’Agenzia Iura; Marino Attini, dell’Istituto nazionale valutazione ausili e tecnologie e Luisa Bartolucci, direttrice di Slash Radio Web
centenario Uici
ROMA - L’Unione italiana ciechi ed ipovedenti compie 100 anni: le celebrazioni si sarebbero dovute tenere a Genova, città in cui nacque l’Unione, ma l’evento è stato sospeso a causa delle restrizioni per contenere il contagio da Covid-19. Lunedì 26, anniversario della nascita dell’Unione, avverrà l’annullo del francobollo celebrativo per i 100 anni dell’Uici, in diretta video. Il viaggio del centenario proseguirà poi verso le città di Roma, che dal 5 all’8 novembre ospiterà il XXIV Congresso nazionale dell’UICI, Milano e Bologna, per concludersi il 21 febbraio 2021 nella Giornata nazionale dedicata al Codice Braille. A questi primi cento anni dell’Uici è dedicata l’ultima puntata di GRS Week, l'approfondimento settimanale del Giornale Radio Sociale. 
Tra le novità messe in campo dall’Uici in questi anni, la creazione della Iura, l’Agenzia per i diritti delle persone con disabilità, e dell’Invat, l’Istituto nazionale valutazione ausili e tecnologie che studia le nuove tecnologie assistive per capire se sono effettivamente accessibili anche ai minorati della vista. A raccontare obiettivi e finalità delle due realtà Mario Girardi, presidente dell’Agenzia Iura e Marino Attini, membro del Consiglio direttivo dell’Invat. Negli anni sono cresciuti anche l’importanza e il ruolo ricoperti dalla comunicazione nella vita delle persone cieche. Una protagonista di questa svolta è Slash Radio Web, il canale radiofonico dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti, guidata dalla direttrice Luisa Bartolucci.
 
© Copyright Redattore Sociale