26 ottobre 2021 ore: 17:11
Immigrazione

Dossier immigrazione, Assindatcolf: "Ruolo fondamentale delle lavoratrici straniere"

Il presidente Zini commenta i dati del comparto domestico, in cui il 68,8% della forza lavoro impiegata è straniera e l’87,6% è donna. "Tornare ad una programmazione dei flussi di ingresso"

ROMA - “Il dato che oggi emerge dal Dossier Statistico Immigrazione 2021 di Idos conferma il ruolo fondamentale delle lavoratrici straniere in un comparto come quello domestico in cui il 68,8% della forza lavoro impiegata è straniera e l’87,6% è donna”. Così Andrea Zini, presidente di Assindatcolf, Associazione Nazionale dei Datori di Lavoro Domestico commentando i dati contenuti nell’anteprima diffusa oggi di cui secondo cui le donne straniere residenti in Italia a fine 2020 erano circa 2,6 milioni di persone, di queste quasi il 40% erano impiegate nei servizi domestici o di cura.

“Un ruolo strategico - prosegue - che è potuto emergere con particolare evidenza nel corso della pandemia, quando badanti, baby sitter e collaboratrici domestiche in molti casi hanno rappresentato l’unica possibilità per le famiglie di riuscire a mantenere un equilibrio tra la vita privata e quella lavorativa. In un Paese in cui le ‘culle’ restano vuote ed in cui la popolazione tende sempre più strutturalmente all’invecchiamento la nostra richiesta alle Istituzioni è quella di tornare ad una programmazione dei flussi di ingresso, di semplificare e velocizzare alcune procedure come nel caso dell’ultima sanatoria che sta procedendo ad un ritmo insostenibilmente lento. Una situazione di stallo che sta penalizzando tutto il comparto, sia le famiglie che le lavoratrici. Se, da quanto emerge da una recente indagine della Federazione Italiana Fidaldo, oltre il 38% dei rapporti di lavoro attualmente in essere è stato instaurato da un massimo di due anni, questo significa che gran parte delle 176.848 istanze di emersione pervenute solo nel settore domestico (l’85% del totale) rischiano di concludersi prima ancora che il rapporto venga regolarizzato”.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news