7 novembre 2016 ore: 12:37
Società

Terremoto, il sindaco di Amatrice. "Strade non sicure, chiusa la scuola"

A piu’ di due mesi dal sisma che ha messo in ginocchio la sua cittadini, Sergio Pirozzi non nasconde tutta la propria delusione: "Avevamo trovato il giusto equilibrio psicologico, la scossa del 30 ha risvegliato in tante persone la paura...
Terremoto - strada spaccata

Roma - Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice, e’ intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Universita’ degli Studi Niccolo’ Cusano, nel corso del format Ecg, con Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. A piu’ di due mesi dal sisma che ha messo in ginocchio la sua cittadini, Pirozzi non nasconde tutta la propria delusione: "Avevamo trovato il giusto equilibrio psicologico, la scossa del 30 ha risvegliato in tante persone la paura, un sentimento irrazionale, che non si controlla. Io poi sono molto rammaricato per la situazione della viabilita’, che non e’ stata effetto del sisma del 30, perche’ io gia’ in data 14 settembre avevo segnalato che due complanari erano fondamentali per permettere il collegamento interno alle 69 frazioni. Purtroppo per questioni burocratiche e rimpalli su chi doveva fare cosa, noi siamo fermi. Con 3/4 di paese che non e’ collegato. Ho dovuto chiudere la scuola a tempo indeterminato, perche’ le strade non sono in sicurezza. L’altro giorno la Regione ha preso in carico il problema, speriamo che in tempi brevi si riesca a fare quello che fino ad oggi non e’ accaduto. La burocrazia e’ giusta se e’ tesa ad eliminare eventuali infiltrazioni malavitose, ma in una fase emergenziale bisognerebbe dare dei poteri speciali a qualche persona specchiata. Qui secondo me non e’ stato fatto questo salto di qualita’, ma io sono un semplice sindaco di montagna...". Pirozzi e’ molto deluso: "Serviva qualcuno con pieni poteri in grado di andare in deroga, di decidere in tempi rapidi. E’ vero che oggi il mondo e’ circondato dai censori, da chi dice che c’e’ il malaffare ovunque. Ma questo non e’ vero, la legalita’, se si scelgono le persone giuste, si puo’ sposare anche con l’eccezionalita’. Lo smaltimento delle macerie, la messa in sicurezza degli edifici, la viabilita’, dovevano essere delle priorita’. Le macerie se non metti a posto la viabilita’, ed io l’ho segnalata in data 14 settembre, e’ impossibile portarle via. Ed io ho profondo rammarico per questo. Se entro 20 giorni non si rimette la viabilita’ in sesto io evacuo il Paese, chiudo tutto, e chi vuole Cristo se lo prega. E la mia non e’ una provocazione. Se non c’e’ la viabilita’, se non esiste sicurezza stradale, chi rimane qui cosa resta a fare? Oggi si va per strade sterrate, col rischio di restare impantanati, di sbandare. E il mal tempo che si e’ abbattuto sul Lazio non puo’ essere considerato una eccezionalita’. Non serve una laurea per capire che Amatrice e’ a 1000 metri d’altezza, in montagna". 

Pirozzi, poi, e’ tornato sullo stato d’animo dei suoi concittadini: "In tenda non c’e’ piu’ nessuno da tanti giorni, ora pero’ la gente, anche se ha le case agibili, vive nella paura. Chi ha casa agibile ha paura di rientrarci. Bisogna vincere la paura e questo puo’ accadere solo con risposte immediate. Entro venti giorni servono le strade. Entro venti giorni". Poi, Pirozzi, alza i toni: "In tempi non sospetti dissi che per noi il periodo critico sarebbe stato tra novembre e marzo. Che nessuno dimentichi che questa gente, la mia gente, ha avuto 237 morti. Non se lo dimentichi mai nessuno. Altrimenti si corre il rischio di essere fuorviati da altre cose. Non e’ che la dignita’ e’ segno di coglionaggine. Perche’ noi abbiamo 113 chiese che non ci sono piu’. Non c’e’ piu’ un’attivita’ economica. E allora non e’ che la dignita’, non fare il pianto, significa che uno e’ che coglione. Io sono uno che se gli si da’ una parola, poi pensa che quella parola valga. Se invece capisco che quella parola non vale piu’, allora parafraso il film il gladiatore, quando lui disse ‘Al mio segnale scatenate l’inferno’. Io non voglio scatenare nessun inferno, ma che in questo momento si tenga in debito conto il sacrificio e lo stato d’animo di una intera comunita’", conclude Pirozzi su Radio Cusano Campus. (Dire)

© Copyright Redattore Sociale