19 gennaio 2021 ore: 16:00
Non profit

Senza dimora, appello dell'Oipa: accoglierli insieme ai loro cani

"Preferiscono rimanere al freddo se costretti a separarsi dai loro animali". L'appello, rivolto ai centri di accoglienza della città di Roma, "a oggi non è stato accolto da nessuna associazione"

ROMA - "Il nostro appello lanciato ai centri di accoglienza presenti nella città di Roma, sia laici che religiosi, a oggi non è stato accolto da nessuna associazione". Così Oipa, Organizzazione internazionale protezione animali, che nei giorni scorsi ha divulgato un appello-proposta: accogliere le persone senza dimora insieme ai loro animali da compagnia, dando la possibilità di usufruire sia delle mense che dei dormitori senza separarsi dai cani.

"A Roma nessun centro di accoglienza dà questa possibilità- spiega l'Oipa alla Dire- Privati dei loro cani, i clochard il più delle volte preferiscono dormire al freddo. Imporre questo tipo di condizione equivale a condannarli ad ammalarsi o a morire di freddo".

"Non dare la possibilità a una persona senza dimora di portare con sé il proprio cane, neppure quando usufruisce del servizio mensa, è eticamente inaccettabile", aggiunge l'Organizzazione. "La nostra proposta- sostiene Oipa Roma- è prevedere dei semplici box in grado di mettere in sicurezza gli animali accanto ai dormitori o alle mense e fare in modo, inoltre, che quest'ultime si affidino ad aziende locali per fornire cibo ai cani".

"La nostra speranza- continua- è che qualcuno accolga il nostro appello. Invitiamo i gestori a farsi avanti. In altre città, in particolare a Milano, qualcosa si sta già muovendo. A Roma, invece, regna il silenzio. E quando succede qualcosa in merito si tratta solamente di eventi eccezionali, così come accaduto nel 2018, quando la Croce Rossa, in seguito all'emergenza freddo, allestì delle tende per ospitare sia i clochard che i loro animali da compagnia. Rivolgiamo un appello anche all'Amministrazione comunale".

"Se qualcuno è disposto a prestare questo tipo di ospitalità ci scriva all'indirizzo info@oipa.org", conclude Oipa Roma. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news