/ Non profit
4 febbraio 2016 ore: 12:33
Economia

Fondazione Cariplo: in 25 anni oltre 30 mila progetti finanziati con 2,8 miliardi

La Fondazione compie un quarto di secolo e traccia un bilancio della sua attività filantropica: ai progetti sociali sono stati destinati 955 milioni di euro. E nel 2016 si punta su periferie, recupero aree interne, impresa sociale e Jobfactory
Filantropia. Omini si tengono per mano

MILANO - In 25 anni oltre 30 mila progetti finanziati con 2 miliardi e 800 milioni di euro: la Fondazione Cariplo compie un quarto di secolo e traccia un bilancio della sua attività filantropica nel campo dell'ambiente, dell'arte e cultura, della ricerca scientifica e del welfare. "Non abbiamo cercato solo di rispondere a dei bisogni importanti - spiega Giuseppe Guzzetti, presidente della Fondazione dal 1997 -, ma di sostenere quei progetti che mirassero all'innovazione". E per il 2016 ci sono novità: quattro programmi "ad alto impatto" che interessano le periferie, il recupero delle aree interne, l'impresa sociale, e la Jobfactory, nuovo modello per contribuire all'occupazione giovanile. Il budget complessivo nel nuovo anno è di 152 milioni di euro. "Da semplice sportello erogativo siamo diventati un soggetto competente che partecipa attivamente ai progetti - sottolinea Guzzetti, che ha presentato questa mattina il bilancio dei 25 anni di attività -, siamo un vero e proprio partner per le organizzazioni che sosteniamo".

Fondazione Cariplo poggia su un solido patrimonio, pari a circa 8 miliardi di euro (a valori di mercato). "Grazie ad una buona gestione", assicura Guzzetti, permette di erogare ogni anno circa 150 milioni di euro per sostenere in media mille progetti. In questi 25 anni, ai progetti sociali sono stati destinati 955 milioni di euro, a quelli riguardanti l'arte e la cultura 948,4 milioni di euro, a quelli sulla ricerca scientifica 421 milioni di euro e a quelli ambientali 145 milioni di euro. A questi si aggiungono i 778 progetti per 368 milioni di euro che la Fondazione ha dato per la costituzione delle 15 fondazioni di comunità locali e a supporto della loro attività filantropica sul territorio. "Abbiamo fatto in modo che le risorse arrivassero proporzionalmente in tutta la Lombardia", ricorda il presidente.

Periferie, aree montane, giovani e rinnovo del terzo settore. È su questi ambiti che la Fondazione Cariplo vuole scommettere per il 2016, attraverso i quattro grandi programmi intersettoriali. Per quanto riguarda le periferie, i fondi saranno destinati a progetti che migliorino la qualità della vita attraverso la riqualificazione urbanistica, architettonica e ambientale e il rafforzamento della coesione sociale. (De) centrando è il programma che mira a "riattivare" le zone montane, potenziando le filiere tipiche e creare nuova occupazione, soprattutto tra i giovani. E ai giovani è destinata la creazione di un hub, "Jobfactory", che attraverso la rete di Fondazione Cariplo contribuisca a creare posti di lavoro. Infine, il terzo settore: la Fondazione promuoverà i processi di "ammodernamento e innovazione"  dei soggetti che si occupano di welfare, cultura e ambiente. (dp)

© Copyright Redattore Sociale