27 ottobre 2016 ore: 17:24
Immigrazione

Calais, Unicef: "Protezione per i bambini che sono nel campo"

"L'Unicef e' profondamente turbato perche' ieri sera, mentre il campo era in fiamme, molti bambini sono stati costretti a dormire fuori e al freddo. E le notizie di oggi riferite dai volontari a Calais sono scioccanti: alcuni bambini sono ...
Alberta Aureli Calais - Alberta Aureli 7

Foto: Alberta Aureli

Roma - "L'Unicef e' profondamente turbato perche' ieri sera, mentre il campo era in fiamme, molti bambini sono stati costretti a dormire fuori e al freddo. E le notizie di oggi riferite dai volontari a Calais sono scioccanti: alcuni bambini sono stati scortati dalla polizia poiche' sprovvisti di braccialetto. I Governi del Regno Unito e della Francia hanno promesso di tenere i bambini al sicuro durante lo smantellamento. Eppure in questo momento, la situazione per alcuni bambini a Calais e' piu' pericolosa che mai". Cosi' in una nota i comitati dell'Unicef di Francia e Regno Unito.

"Nonostante ieri siano stati in fila per ore, dozzine di bambini - denunciano i comitati - non hanno potuto registrarsi e ottenere dalle autorita' i braccialetti ufficiali prima la registrazione venisse chiusa. Questo tipo di situazioni e' esattamente cio' che espone i bambini a trafficanti e a contrabbandieri, e li espone a situazioni pericolose senza cibo, riparo e alcun sostegno. Oggi e per il futuro, le autorita' devono garantire la protezione e il superiore interesse di ogni minorenne". Dopo aver raggiunto cosi' tanti progressi per proteggerli, sarebbe inaccettabile - conclude l'Unicef - compiere dei passi indietro". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale