3 dicembre 2021 ore: 17:03
Disabilità

3 dicembre, cena solidale per ristrutturare il bene confiscato

di Serena Termini
Diventerà centro diurno e residenziale del “Dopo di Noi” per ragazzi e adulti con autismo e disabilità intellettive. Ad organizzarla ParlAutismo con l'associazione Teacch House

PALERMO - Stasera cena solidale con i ragazzi autistici chef in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità a sostegno dell'associazione Teacch House per la ristrutturazione del bene confiscato. Ad organizzarla è ParlAutismo che guida una rete di 22 associazione di Palermo e provincia. Saranno proprio i ragazzi con disabilità dell'associazione a preparare i piatti e a servire ai tavoli in occasione della serata in programma alle ore 20.30 presso l’hotel Bellevue di Sferracavallo che sta offrendo gratuitamente la sua sala ristorante. L’iniziativa, patrocinata dalla Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana, è stata voluta fortemente da ParlAutismo perché permetterà di raccogliere i fondi per la ristrutturazione di un bene confiscato alla mafia all’Addaura, affidato all'associazione Teacch House, dove sarà realizzato il primo centro diurno e residenziale del “Dopo di Noi” per i ragazzi ed adulti con autismo e disabilità intellettive.

Ad aiutare in cucina i giovani sarà lo chef Gaetano Porpe che in pieno spirito di volontariato ha sposato l'iniziativa. L’azienda “Supermercati Giaconia” donerà interamente tutto l’occorrente per la preparazione della cena insieme all’azienda Agromonte che contribuirà alla serata con i propri prodotti.

“Abbiamo il desiderio forte come famiglie, dopo il fermo forzato dovuto alla pandemia, di ripartire per il bene e la costruzione del futuro dei nostri figli. Noi ci siamo e chiediamo alle istituzioni di adoperarsi - sottolinea Rosi Pennino presidente di ParlAutismo - per garantire i diritti delle persone con disabilità attraverso azioni concrete. Oggi, finalmente abbiamo costituito una rete di 22 associazioni che organizzano servizi con un modello inclusivo 2.0 che vanno dallo sport alla danza, al teatro e tempo libero".

"In particolare, la cena solidale di stasera ci permetterà di favorire la promozione delle abilità delle persone con autismo e a fare rete sul territorio - aggiunge ancora Rosi Pennino -  perché l’obiettivo è uno: assicurarci che questi ragazzi abbiano una vita dignitosa e rispettabile anche quando i loro genitori non potranno più aiutarli o non ci saranno più. Da qui l’importanza del progetto che sosteniamo perché il futuro di questi ragazzi va costruito ora. Crediamo che si possa portare avanti proprio un modello di rete che parte dal privato ma che vuole entrare in sintonia con le istituzioni per dare risposte che superino le terapie in una prospettiva ampia per i nostri giovani con disabilità". 

Il costo del biglietto è di 15 euro per la cena. Per chi invece volesse contribuire simbolicamente, il costo del biglietto sarà di 10 euro.  Tra le altre iniziative nel pomeriggio alcuni giovani con disabilità intellettive si esibiranno per una performance teatrale nella ex chiesa Mattia dei Crociferi con la Piccola Accademia dei Talenti. Sabato 4 dicembre, invece, alle ore 9.30 presso la Tecnonaval dell’Arenella si svolgerà“L'autismo in canoa”: ParlAutismo in collaborazione con Il Sottomarino ASD organizzerà un giro in canoa per ragazzi da 8 a 17 anni assistiti dai tecnici della SSD Tecnonaval.

 

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news