30 settembre 2014 ore: 18:00
Immigrazione

3 ottobre, Carta di Roma: “Garantire anonimato a familiari delle vittime e superstiti”

La richiesta è sostenuto anche dal Comitato 3 ottobre. “In molti hanno ottenuto status rifugiato ma potrebbero ancora subire ritorsioni dal regime. No a riprese video, foto e alla pubblicazione dei loro nomi”
TRagedia di Lampedusa, bare

ROMA - “Il 3 ottobre prossimo, i superstiti della terribile tragedia di Lampedusa, torneranno in Italia assieme ai familiari delle vittime per celebrare sull’isola la prima Giornata della memoria e dell’accoglienza. Nel corso di questo anno ognuno di loro ha chiesto e ottenuto lo status di rifugiato perché in fuga da una dittatura. Nonostante questo il rischio di ritorsioni da parte del regime nei confronti delle loro famiglie rimaste in patria è ancora alto. Facciamo appello alla stampa e alle televisioni affinché abbiano cura di garantire l’anonimato non pubblicando i loro nomi ed evitando di effettuare riprese e fotografie dove sarebbero riconoscibili”.  Lo chiedono in una nota l’associazione Carta di Roma e il Comitato 3 ottobre,  per evitare che si ripeta quello che è accaduto lo scorso anno, subito dopo il naufragio, quando le autorità del regime dal quale fuggivano sono state invitate ad assistere alla cerimonia funebre.

Abbiamo il dovere di proteggere le persone che tornano in Italia per celebrare la tragedia del 3 ottobre, ma anche per cercare di capire dove piangere i loro cari e i loro compagni di viaggio, morti nel naufragio e sepolti nei cimiteri dell’agrigentino senza un nome, senza che venissero identificati – spiegano -. Il Comitato 3 ottobre li accompagnerà nel loro viaggio di ritorno a Lampedusa e nella tappa per la prima intervista propedeutica al riconoscimento delle salme attraverso il test del Dna, obiettivo che il Comitato ha perseguito sin dall’inizio della sua attività”.

 

 

© Copyright Redattore Sociale