9 maggio 2016 ore: 15:23
Società

L’Islam a tavola, l’imam Elzir illustra le tradizioni religiose

Tanti piatti islamici degustati in occasione del secondo appuntamento del ciclo “La religione è servita. Ebrei, cristiani e musulmani si incontrano… a tavola”, un percorso non solo culturale, storico, religioso, ma anche gastronomico, pensato e realizzato a Firenze dall’Istituto Sangalli
Pietanze islamiche

FIRENZE – Falafel, Tagine di pollo alla frutta secca, Kofta, Cous Cous alle verdure, Hummus e Nummoora. Sono i piatti islamici che verranno degustati in occasione del secondo appuntamento del ciclo “La religione è servita. Ebrei, cristiani e musulmani si incontrano… a tavola”, un percorso non solo culturale, storico, religioso, ma anche gastronomico, pensato e realizzato a Firenze dall’Istituto Sangalli per la storia e le culture religiose per rafforzare la conoscenza reciproca fra le tre grandi religioni monoteiste e favorire un clima di dialogo all’insegna della comprensione delle diverse abitudini alimentari.

Pietanze islamiche

L’appuntamento è fissato per martedì 10 maggio alle 18 nella sede dell'Istituto di ricerca in Piazza di San Firenze 3. Interverranno l’Imam di Firenze e presidente Ucoii Izzeddin Elzir, che illustrerà i significati religiosi e simbolici della tradizione culinaria islamica, e Monica Barni, vicepresidente della Regione Toscana con delega alla
Cultura, che introdurrà l’evento. L’appuntamento di maggio segue l’incontro con rav. Joseph Levi, rabbino-capo di Firenze, del 6 aprile scorso e precede quello con il rappresentante della religione cattolica previsto dopo l’estate.

© Copyright Redattore Sociale