6 giugno 2016 ore: 12:23
Società

Ramadan al via, cristiani e musulmani festeggiano insieme

La comunità islamica di Palermo invita alla cena che si svolgerà giovedì 23 giugno l'arcivescovo Lorefice insieme a tutti gli altri rappresentanti delle religioni. L'arcivescovo a sua volta, in occasione del festino di Santa Rosalia, aprirà le porte alle diverse confessioni
Alessandro Tosatto/Contrasto Ramadan, fedeli in preghiera, islam

PALERMO - La comunità islamica di Palermo invita alla cena del Ramadan che si svolgerà giovedì 23 giugno 2016, alle ore 19.30, presso la moschea di piazza Gran cancelliere l'arcivescovo Lorefice insieme a tutti gli altri rappresentanti delle altre comunità religiose. In particolare, sono stati invitati, l’arcivescovo di Palermo, le comunità cristiane: cattoliche, evangeliche, ortodosse, anglicana; la comunità ebraica, il sindaco di Palermo, i consoli della Tunisia e del Marocco, il presidente della Consulta delle Culture e le autorità civili e militari. Il Ramadan inizia oggi e si conclude martedì 5 luglio. 

- “Nel condiviso e vivo desiderio di proseguire il cammino intrapreso del dialogo islamico-cristiano- ebraico – dichiara l’imam Boulaalam Abderrahmane Mustafà - per sostenere i valori della pace e dell’amicizia tra gli uomini e con la ferma volontà di condannare e rifiutare ogni progetto ed azione di violenza, di terrorismo e di guerra, durante il mese del Ramadan di digiuno e preghiera, da questa terra di Palermo si alzi forte il grido di pace e di armonia tra i popoli”.

Proprio per rinsaldare l’amicizia, monsignor Lorefice sarà presente nella moschea di piazza Gran Cancelliere per incontrare la comunità islamica e per condividere la cena del Ramadan con tutti gli Imam d Palermo, con gli ebrei, con i pastori cristiani, con i presbiteri e i diaconi cattolici e con i rappresentanti di altre religioni. 

L'arcivescovo don Corrado Lorefice oltre ad accettare l'invito in occasione del Festino di Santa Rosalia fa sapere che aprirà le porte a tutte le comunità religiose. In risposta all’invito, infatti, monsignor Lorefice ha fatto pervenire all’Imam di Palermo un messaggio con il quale, in occasione del prossimo festino, di concerto con l’ufficio per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso diretto da don Piero Magro, giovedì 14 luglio, alle ore 11.30, aprirà le porte di casa sua a tutti, cristiani, ebrei, imam islamici e altre confessioni religiose, per un incontro di gioia fraterna.

“Care sorelle e fratelli musulmani, sono lieto di porgervi sia a nome mio personale, sia dell’arcidiocesi di Palermo i migliori auguri di un sereno e proficuo inizio del mese del Ramadan - ha detto l'arcivescovo Lorefice -. E’ tempo nel quale con fede, impegno e dedizione vi consacrate all’osservanza di molte pratiche religiose quali la preghiera l’elemosina, l’aiuto ai poveri, le visite a parenti ed amici il dominio delle passioni”.

“Sarebbe un segno prezioso – aggiunge l’arcivescovo di Palermo - che fossero tutti i palermitani a dedicare questo stesso giorno ad un impegno di digiuno e preghiera per la pace, l’armonia e la fraternità tra tutti gli uomini. Ispirati dai nostri valori condivisi e rafforzati dai nostri sentimenti di genuina fraterna amicizia e solidarietà, siamo perciò chiamati a lavorare insieme nelle nostra comune casa che è la città di Palermo, perché essa sia arricchita dall’impegno di tutti noi a favore della giustizia, del rispetto dei diritti e della dignità di ogni persona. Ci sentiamo particolarmente responsabili dei più bisognosi: i poveri, i malati, i carcerati, i migranti, le vittime della tratta e tutti coloro che soffrono situazioni di disagio personale e familiare. Impegnati a costruire la città degli uomini e delle donne dal basso, dai 'vinti' della storia, dai più fragili, dai piccoli, da chi non ha voce. Abbiamo il compito di salvaguardare insieme l’ambiente ed il decoro della città nella quale viviamo; è una responsabilità comune, come ha scritto Papa Francesco nell’enciclica 'Laudato si'"

"Si avvicina il festino, la festa che, nel nome di una santa donna, Rosalia, che nella sua vita ha invocato la protezione di Dio sulla nostra città - continua l'arcivescovo Lorefice -, richiama e raccoglie tutti gli abitanti di Palermo in una concorde ed unanime esperienza di gioia nel ritrovarsi uniti per lottare contro ogni forma di male, odio, di violenza e di mafia. Nel nome di questa libertà, di mente e di cuore, desidero aprire le porte della mia casa a tutti i responsabili delle varie religioni, Imam rabbini, pastori, presbiteri, guide spirituali, per testimoniare la bellezza dello stare insieme in pace e in cordiale fraternità ed anche alle autorità consolari, civili e militari per esprimere la volontà armonica nella partecipazione alla costruzione della città 'nuova' per l’impegno di tutti alla stima e al rispetto dell’identità etnica e religiosa di ogni uomo”. (set) 

© Copyright Redattore Sociale