30 gennaio 2018 ore: 12:57
Famiglia

Anziani e tecnologie, al via il progetto europeo con la Cattolica

In Italia appena 1 anziano su 4 (25%) nella classe di eta' 65-74 anni utilizza tecnologie digitali come lo smartphone e il pc e ha usato internet nell'ultima settimana, contro una media di quasi 1 su 2 (45,5%) dei coetanei europei. Pero' tra ...

Roma - In Italia appena un anziano su 4 (25%) nella classe di eta' 65-74 anni utilizza tecnologie digitali come lo smartphone e il pc e ha usato internet nell'ultima settimana, contro una media di quasi 1 su 2 (45,5%) dei coetanei europei. Pero' tra gli anziani italiani che lo usano, ben il 90% lo usa almeno una volta al giorno, rispetto al 72% degli utilizzatori europei. I nostri anziani utilizzano internet per informarsi su tematiche di attualita' (63,7%), sui propri interessi e passioni (60,7%) e per approfondire temi legati alla salute e al benessere (40,3%). Sono alcuni dei dati Eurostat 2016 riferiti dal dottor Simone Carlo (ricercatore di OssCom-Centro di ricerca sui media e la comunicazione dell'Universita' Cattolica presso la sede di Milano) e dal professor Fausto Colombo (Direttore del Dipartimento di Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo dell'Universita' Cattolica).

Carlo e Colombo partecipano per l'Italia al 'Progetto europeo Harvest', uno dei progetti vincitori del terzo bando di gara intitolato 'Ageing and Place in a digitising world', della Jpi More Years Better Lives, 'iniziativa di programmazione congiunta' che ambisce a migliorare il coordinamento e la collaborazione tra i programmi di ricerca europei e relativi al cambiamento demografico. 'Ageing and Place in a digitising world' e' il bando di gara europeo dedicato a finanziare ricerche sul tema delle tecnologie e dell'invecchiamento, ovvero come le tecnologie impattano sulla vita e sulla salute degli anziani e come si puo' migliorare la 'digitalizzazione' della terza eta' per aiutare gli anziani a vivere in autonomia il piu' a lungo possibile con l'aiuto di nuove tecnologie e domotica. Cosi' in un comunicato l'Universita' Cattolica del Sacro Cuore.

Il Progetto europeo Harvest- eHealth and Ageing in Rural Areas: Transforming Everyday Life, Digital Competences, and Technology - coordinato dal Professor Simon Lindgren dell'Universita' di Umea in Svezia, ha l'obiettivo di indagare il ruolo di internet, pc, smartphone e tablet nella vita quotidiana degli anziani residenti in contesti rurali o montani. In particolare si vuole comprendere come vengano utilizzate le tecnologie digitali per la salute (eHealth) e l'impatto di queste tecnologie nella vita degli anziani geograficamente 'isolati'. La ricerca prevede una serie di 'interviste domestiche' in 3 nazioni: Finlandia, Italia, Svezia.

"In particolare, come coordinatore del'unita' italiana, supervisionero' un team di ricerca che condurra' le interviste ad anziani che usano tecnologie di eHealth gia' in commercio (digital care app, servizi virtuali di assistenza, programmi di videoconferenza per visite virtuali, siti di informazione e prenotazione medica, strumenti di comunicazione e contatto con medici e personale sanitario) in aree rurali del Nord Italia- spiega Fausto Colombo- Avremo cosi' l'opportunita' di comprendere e osservare in contesti reali e quotidiani qual e' l'uso di queste tecnologie da parte degli anziani".

L'obiettivo finale della ricerca e' offrire agli operatori del settore sanitario e ai policy makers elementi utili per sviluppare progetti e strategie efficaci per promuovere servizi di eHealth per gli anziani, a partire dalla consapevolezza delle paure, resistenze, entusiasmi e difficolta' che essi vivono nel rapporto con le tecnologie che riguardano la salute. "Il progetto durera' tre anni- aggiunge il dottor Simone Carlo ricercatore di OssCom della Cattolica- inizieremo presto con l'individuazione di comunita' rurali montane su cui focalizzare la ricerca. L'idea e' usare i risultati che otterremo su questi campioni per fornire spunti per gli operatori sanitari finalizzati a sviluppare progetti e servizi online dedicati agli anziani, che pero' non siano a discapito dei servizi di assistenza offline". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale