24 febbraio 2016 ore: 12:30
Società

Legge anti-moschee, "rimane vergogna che la Regione si sia accanita sulle comunità religiose"

Il Coordinamento delle associazione islamiche di Milano e Monza chiederà ora ai sindaci lombardi di individuare aree su cui poter realizzare luoghi di culto. "Lo prevede la vecchia legge rimasta in vigore", afferma Piccardo. "A Milano il Comune proceda subito all'assegnazione delle aree alle associazioni che hanno vinto il bando"
Moschea a Milano. Musulmani senza scarpe davanti al luogo di culto

MILANO - La Corte Costituzionale boccia la legge anti-moschee della Lombardia. Soddisfazione nel mondo musulmano lombardo, "ma resta la vergogna che un'istituzione come la Regione abbia voluto accanirsi contro le comunità religiose", afferma Davide Piccardo, portavoce del Coordinamento delle associazioni islamiche di Milano e Monza-Brianza (Caim). "A questo punto il Comune di Milano deve procedere subito all'assegnazione delle aree per la costruzione dei luoghi di culto alle associazioni che hanno vinto il bando", aggiunge Piccardo. Su una delle aree, quella degli ex bagni pubblici di via Esterle, c'è in corso un contenzioso tra due associazioni islamiche. "Certo, ma sulle altre due aree no -sottolinea Davide Piccardo-. Quindi su queste può fare subito l'assegnazione definitiva. Su via Esterle, in realtà il Tar ci ha dato ragione, ma è stato poi il Comune a fare un ulteriore ricorso al Consiglio di Stato".

Nelle prossime settimane, il Caim invierà una lettera ai comuni lombardi, in cui ci sono comunità islamiche, per chiedere formalmente l'individuazione di aree su cui sia possibile realizzare luoghi di culto, come previsto dalla vecchia versione delle legge regionale 12 del 2005, modificata da Maroni l'anno scorso in chiave antimoschee ma ora bocciata dalla Corte Costituzionale. "Resta quindi in vigore la vecchia legge e i sindaci sono tenuti a rispettarla", sottolinea Piccardo.
Infine, il Caim fa una richiesta al Parlamento. "È necessario che intervenga al più presto -aggiunge-, con una legge che dia attuazione al diritto alla libertà religiosa, almeno per quanto riguarda i luoghi di culto". (dp)

© Copyright Redattore Sociale