21 luglio 2014 ore: 15:48
Non profit

Libri sociali e buona cucina insieme per l'estate di Cagliari

Alla Locanda dei Buoni e Cattivi, nuovo appuntamento dell'iniziativa "gusti diVersi". Mercoledì 23 Cristina Caboni presenterà il suo libro “Il sentiero dei profumi”, dedicato alle insicurezze dell’animo umano e al coraggio necessario ad affrontarle
Locanda - Domus de luna Onlus
Locanda - Domus de luna Onlus

ROMA – La Locanda dei Buoni e Cattivi di Cagliari, in collaborazione con la libreria Edumondo, ha proposto per la stagione estiva un’iniziativa, “gusti diVersi”, volta a unire buona cucina e lettura.

Il bed&breakfast, progetto della fondazione Domus de luna Onlus, si occupa dal 2005 di inserire ragazzi in difficoltà, madri sole, in un contesto lavorativo che dia una possibilità a chi esce da una casa famiglia, a chi si trova in prova dopo aver infranto la legge o dopo un periodo difficile, di ricostruire la fiducia in se stessi e di inserirsi di nuovo in un contesto sociale accogliente. E “gusti diVersi” diventa così un modo per raccontare la propria storia attraverso i libri, affrontando e innescando dibattiti su diverse tematiche sociali. Si è parlato di chi ha trovato la forza per prendersi cura di se stesso nonostante la malattia, in “Benvenuto mr. Parkinson” di Cesare Corda e “La porta celeste” di Susanna Fois; delle storie di uomini e donne che abbandonano il proprio Paese per diventare badanti nel nostro, con “Badanti” di Elisabetta Podda; di storie private di violenza, in cui il racconto diventa un modo per riscattare se stessi e aiutare altre persone nella stessa condizione a fare lo stesso, con “Vorrei fosse sempre primavera” di Jenny Carboni.

Il prossimo appuntamento che si terrà sulla terrazza dei Buoni e Cattivi, è previsto per il 23 luglio. In questa occasione Cristina Caboni presenterà il suo libro “Il sentiero dei profumi”, un libro dedicato alle insicurezze dell’animo umano e al coraggio necessario ad affrontarle. Questo romanzo vuole essere un omaggio a quanto di più affascinante si nasconde dietro ad un profumo: ricordi, speranze, emozioni. E si racconta in esso la storia di Elena, una ragazza che nonostante le difficoltà della vita trova la maniera di esprimere i propri sentimenti attraverso i profumi, inventando un linguaggio tutto suo, contro l’arroganza e il disprezzo che hanno caratterizzato la sua vita fin dalla nascita. La madre l’ha abbandonata quando era solo una ragazzina in cerca di affetto e carezze. Eppure la sua anima è rimasta intatta, come pure la capacità di amare. Solo che lei non comprende il proprio valore, e non ha fiducia in se stessa. Allora utilizza i profumi per comunicare. 

Cristina Caboni vive con il marito e i tre figli in provincia di Cagliari, dove si occupa dell'azienda apistica di famiglia. Appassionata coltivatrice di rose, studia da tempo il mondo delle essenze e delle fragranze naturali. Il programma completo dell’iniziativa è consultabile sul sito della Locanda

© Copyright Redattore Sociale