17 maggio 2016 ore: 11:09
Società

Papa Francesco: giusto lo stato laico, ma la Francia esagera

"Uno Stato deve essere laico. Gli stati confessionali finiscono male, ma ciascuno deve avere la liberta' di esteriorizzare la propria fede. Se una donna musulmana vuole indossare il velo, deve poterlo fare. Allo stesso modo, se un cattolico vuole in...

"Uno Stato deve essere laico. Gli stati confessionali finiscono male, ma ciascuno deve avere la liberta' di esteriorizzare la propria fede. Se una donna musulmana vuole indossare il velo, deve poterlo fare. Allo stesso modo, se un cattolico vuole indossare una croce". Lo afferma Papa Francesco rispondendo alla domanda sulla "buona laicita'" che gli hanno posto Sebastien Maillard e Guillaume Goubert, rispettivamente corrispondente da Roma e direttore del quotidiano cattolico francese "La Croix".

"Si deve poter professare la propria fede- prosegue Francesco- non ai margini ma nel cuore della cultura. Una piccola critica che io vorrei rivolgere alla Francia a questo riguardo e' il fatto che esagera con la laicita'. Questo le proviene da un modo di considerare le religioni come sotto-culture, piuttosto che culture a pieno titolo. Temo che questo approccio, che si comprende dalla eredita' dei Lumi, continui ad esistere. La Francia dovrebbe fare un passo avanti su questo tema per accettare il fatto che l'apertura alla trascendenza e' un diritto per tutti".

I due giornalisti manifestano al Papa la preoccupazione dei cattolici francesi riguardo a eutanasia e matrimoni tra persone dello stesso sesso: "Spetta al Parlamento discutere, argomentare, spiegare, dare le ragioni- precisa Francesco- Cosi' cresce una societa'. Una volta approvata una legge, lo Stato deve anche rispettare le coscienze. In ogni struttura giuridica, il diritto all'obiezione di coscienza deve essere riconosciuto, perche' e' un diritto umano". "Lo Stato- ha detto in conclusione- deve anche rispettare le critiche. E' questa una vera laicita'". www.agensir.it (DIRE)