26 gennaio 2017 ore: 17:20
Non profit

Misericordie, 100 mila pasti per aiutare i terremotati

Si chiude dopo tre mesi l’esperienza della mensa con il prezioso contributo dei cuochi delle contrade del Palio di Siena. La mensa a disposizione di tutti coloro che vivevano a Cascia: non solo un pasto caldo, ma anche sostegno morale
Terremoto centro italia, macerie con neve

- FIRENZE - Novanta giorni in aiuto delle popolazioni colpite dal sisma, con il prezioso contributo dei cuochi delle contrade del Palio di Siena. Dopo 3 mesi termina a Cascia (Perugia) l’attività della mensa della Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia. Si è trattato di una delle strutture più importanti messe in campo dalle Misericordie Italiane che ha erogato circa in tre mesi 100 mila pasti con punte di oltre 2 mila al giorno che è servita come punto di riferimento per le popolazioni.

La mensa è stata a servizio di tutti coloro che vivevano a Cascia, gli sfollati, chi nel territorio ha operato a soccorso della popolazione (Vigili del Fuoco, militari, volontari). Oltre a ciò, grazie al contributo delle associazioni del territorio i pasti preparati venivano anche distribuiti nelle tante frazioni del Comune, per venire incontro anche ai numerosi anziani presenti in quei luoghi.

Per le Misericordie la gestione della struttura è stata un grande impegno, tantissimi sono stati le sorelle ed i fratelli che si sono avvicendati provenienti da tutta Italia, con guide di eccezione: i cuochi delle Contrade del Palio di Siena che a turno sono arrivati a Cascia per dare il proprio contributo mostrando davvero un cuore grande.

La mensa di Cascia è stata un luogo importante per la comunità, perché non ha offerto solo un pasto caldo, ma anche sostegno morale, i fratelli sono sempre stati disponibili ad ascoltare, aiutare, tanto che si sono costruiti rapporti e legami importanti con gli enti locali del territorio, ma soprattutto con i cittadini. Un segno profondo, che, molto presto porterà alla nascita, nei luoghi di Santa Rita, di una nuova Misericordia.

© Copyright Redattore Sociale