27 febbraio 2018 ore: 12:33
Salute

Sanità, Fnomceo sostiene Cittadinanzattiva sulla modifica dell'articolo 117 della Costituzione

Un bacio, un selfie per diffondere in maniera 'virale' la salute e combattere le disuguaglianze: e' questa la campagna 'Diffondi la salute" promossa da Cittadinanzattiva, che si propone l'obiettivo di far modificare l'articolo 117 della Costituzione, nella parte relativa alle materie di legislazione concorrente...

Roma - Un bacio, un selfie per diffondere in maniera 'virale' la salute e combattere le disuguaglianze: e' questa la campagna Diffondi la salute promossa da Cittadinanzattiva, che si propone l'obiettivo di far modificare l'articolo 117 della Costituzione, nella parte relativa alle materie di legislazione concorrente. Questa l'integrazione proposta dal costituzionalista Francesco Clementi: "tutela della salute nel rispetto del diritto dell'individuo ed in coerenza con il principio di sussidiarieta' di cui all'art. 118 Cost". Tra i cinquanta e piu' Enti, Associazioni di medici e di pazienti che sostengono il progetto, anche la Fnomceo, la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

"Il Consiglio Nazionale ha dato, gia' dal luglio del 2016, mandato al Presidente della Fnomceo ed al Comitato Centrale di sollecitare il Governo e le Regioni a rivedere i criteri e i meccanismi di distribuzione delle risorse sull'intero territorio nazionale per garantire il diritto alla Salute sancito dall'articolo 32 della Costituzione- afferma Filippo Anelli, presidente Fnomceo- Nel 2018 il nostro Servizio Sanitario Nazionale compie quarant'anni: dobbiamo fargli riscoprire quei valori di universalita', uguaglianza ed equita' di accesso alle cure che sono scritti nel primo articolo della sua Legge istitutiva. Il senso originario del Titolo V, sulle materie riguardanti la salute, era quello di applicare l'articolo 32, che sancisce appunto la tutela del diritto alla Salute, secondo le peculiarita' territoriali delle diverse Regioni. Questo senso e' stato tradito da una gestione contrattualistica, aziendalistica, dei sistemi sanitari da parte delle Regioni, e il modello e' fallito. Occorre riscrivere l'articolo 117 per garantire appieno il principio di sussidiarieta' e i diritti fondamentali, costituzionalmente protetti". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale
Immigrazione

Cittadinanzattiva